UniStra e UniPg, patto per contare di più in Umbria e in Italia LE FOTO - Tuttoggi

UniStra e UniPg, patto per contare di più in Umbria e in Italia LE FOTO

Redazione

UniStra e UniPg, patto per contare di più in Umbria e in Italia LE FOTO

Inaugurato l'anno accademico dell'Università per Stranieri di Perugia
Lun, 11/11/2019 - 21:20

Condividi su:


UniStra e UniPg, patto per contare di più in Umbria e in Italia LE FOTO

L’Università per Stranieri punta ad incrementare il legame con le istituzioni cittadine e regionali, ma anche con i soggetti che si occupano di alta formazione. E mentre la rettrice dell’Università per Stranieri, Giuliana Grego Bolli, rivolge quello che è insieme un invito e un auspicio, ad ascoltarla, seduti in prima fila nell’Aula Magna di Palazzo Galleanga Stuart, ci sono il sindaco di Perugia Andrea Romizi, la neo governatrice umbra Donatella Tesei e il collega dell’Università degli studi, Maurizio Oliviero. Ma anche i colleghi provenienti dagli altri Atenei, con cui UniStra già collabora.

Alla cerimonia per l’inaugurazione dell’anno accademico dell’Università per Stranieri era presente anche il segretario generale della Farnesina, ambasciatrice Elisabetta Belloni, a testimoniare l’importanza strategica dell’Ateneo. “Faremo di tutto per sostenere l’Università per Stranieri di Perugia”, ha detto l’ambasciatrice, pur ricordando i limiti finanziari. Un’istituzione che nel 2021 celebrerà i cento anni di vita, in cui si è affermato come “polo di diplomazia culturale”. Ma che da subito vuole rafforza il proprio ruolo, a Perugia, in Umbria e nel contesto nazionale e internazionale.

Con Oliviero, Grego Bolli ha già iniziato a collaborare, per trovare “sinergie nei programmi e nei progetti”. In tempi in cui le risorse da destinare alla ricerca non sono molte, meglio mettere a sistema le competenze. E insieme, le due Università perugine, rivendicano il loro ruolo di “motore dello sviluppo” di Perugia e dell’Umbria.

La Stranieri, intanto, punta sull’integrazione tra sapere umanistico e nuove tecnologie digitali. Anche attraverso una revisione dell’offerta didattica, già avviata con l’attivazione del corso  triennale in Lingua e cultura italiana in Digital humanities per l’italiano, confermato anche in questo anno accademico. Anche se poi è nell’internazionalizzazione che UniStra, ha detto Grego Bolli, deve continuare a trovare la sua linfa vitale.

Un intervento, quello del rettore Giuliana Grego Bolli, che si è concluso con “Viva l’Italia”. Parole sottolineate da un lungo applauso.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!