In Umbria settemila casi di cancro ogni anno - Tuttoggi

In Umbria settemila casi di cancro ogni anno

Redazione

In Umbria settemila casi di cancro ogni anno

Convegno a Foligno su 'Medicina dello sport e cancro'
Ven, 20/01/2017 - 16:54

Condividi su:


“Sono in media settemila l’anno i casi di cancro in Umbria, la fascia d’età più colpita è tra i 60 e gli 85 anni, e negli ultimi tempi si è registrata una diminuzione del tasso di mortalità dovuta ad una  maggiore prevenzione e a diagnosi più precoci, grazie anche all’importante campagna di screening promossa dalla Regione”: lo ha detto l’assessore regionale alla Salute, alla Coesione sociale e al Welfare, Luca Barberini, intervenendo stamani, a Foligno, all’incontro “Medicina dello sport e cancro. Linee guida per l’esercizio fisico in oncologia” promosso dalla Federazione medico sportiva italiana, con il coinvolgimento dei dipartimenti di Oncologia degli ospedali di Perugia, Terni e Foligno, presenti diversi medici specialisti e docenti universitari.

“Secondo dati del ‘Registro Tumori Umbro di Popolazione’ –  ha evidenziato Barberini – nella nostra regione, negli ultimi cinque anni, ci sono stati oltre 35mila nuovi casi di cancro. I più diagnosticati sono al colon retto (11,9%), alla mammella (11%), alla prostata (9,8%), a bronchi e polmoni (8,7%) e alle vie urinare (4,8%), mentre il restante 53,8% riguarda altre tipologie tumorali. Un quadro preoccupante, di fronte al quale occorre riflettere per capire come poter dare risposte più utili e innovative, oltre la ricerca scientifica, per sconfiggere questa grave patologia – ha aggiunto. L’idea è costruire un nuovo modello di sanità, che valorizzi la rete ospedaliera soprattutto nelle specializzazioni, investa di più nei servizi territoriali e metta al centro la prevenzione come elemento indispensabile per migliorare lo stile di vita e la salute delle persone. L’attività fisica – ha sottolineato l’assessore – è uno strumento importante per prevenire le malattie, compreso il cancro. L’incidenza positiva è difficilmente quantificabile, ma è dimostrato che lo sport è molto utile per chi è portatore di tumore poiché migliora la qualità della vita, la gestione della malattia e la resistenza dell’organismo allo stress di terapie aggressive”.

Barberini ha anche ribadito “l’impegno della Regione Umbria sul fronte della prevenzione con il nuovo ‘Piano regionale della prevenzione’ che contiene 65 progetti e 10 programmi per migliorare lo stile di vita e il benessere dei cittadini, oltre che sulla promozione dello sport per prevenire e contrastare la diffusione delle malattie croniche che sono in deciso aumento, considerando che gli over 65 costituiscono il 25 per cento della popolazione umbra”. A tale proposito, l’assessore ha ricordato che “nei giorni scorsi, sono state adottate nuove linee guida per l’attività fisica adattata e la disabilità, che favoriranno la diffusione dello sport e dell’aggregazione sociale tra i cittadini anziani o con qualche difficoltà in più, attraverso un accordo con associazioni del territorio, medici e specialisti”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!