Umbria, quasi 1mln di voucher venduti in 5 mesi | Cgil, "preoccupante" - Tuttoggi

Umbria, quasi 1mln di voucher venduti in 5 mesi | Cgil, “preoccupante”

Redazione

Umbria, quasi 1mln di voucher venduti in 5 mesi | Cgil, “preoccupante”

Ciavaglia (Cgil Perugia), "rispondere alla crisi partendo dai territori"
Mar, 16/08/2016 - 19:26

Condividi su:


Da settembre si aprirà uno scenario che chiamerà tutti soggetti a fare la loro parte, noi come Cgil vogliamo e saremo protagonisti nel sensibilizzare, proporre e discutere rispetto alle strategie che occorrono per uscire dal declino. Per questo riproponiamo il piano del lavoro con articolazione territoriale”. Ad affermarlo in una nota è Filippo Ciavaglia, segretario generale della Cgi ldi Perugia.

Ciavaglia sottolinea come le difficoltà per il territorio della provincia di Perugia e per tutta l’Umbria siano ancora evidenti: “Abbiamo una regione la cui popolazione è in diminuzione (meno 4000 secondo l’Istat) e questo è un segnale indubbio di difficoltà, che si aggiunge ad un progressivo innalzamento degli over 65 (circa il 23%). I centri storici e la montagna hanno subito e stanno subendo un processo di spopolamento che va contrastato con una strumentazione e una progettazione adeguata (progetto zone interne). C’è un calo fortissimo degli investimenti (-32%) e del peso della manifattura – prosegue Ciavaglia – che si riproduce sul Pil, e che non è controbilanciato dall’aumento, pur importante, del settore turismo-ambiente-cultura (+8%)”.

Intanto, aumenta in maniera esponenziale la precarietà del lavoro: “Abbiamo un aumento vertiginoso nell’utilizzo dei voucher – sottolinea ancora Ciavaglia – quasi un milione di buoni venduti nei primi 5 mesi del 2016, con un aumento del 44% sul 2015, superiore alla media nazionale”.

Ma il nostro territorio – continua il segretario della Cgil di Perugia – è anche caratterizzato da eccellenze, le quali debbono fare da traino per la creazione di Pil e di buona occupazione. Per questo, riteniamo fondamentale condividere con il livello istituzionale e politico le scelte che dovranno essere fatte sull’utilizzo delle risorse a disposizione, in modo particolare dei fondi strutturali europei (circa 1500 milioni di euro). Soltanto una piena condivisione e una sinergia fra tutti soggetti – continua Ciavaglia – potrà infatti determinarne i risultati che tutti auspichiamo per il nostro territorio”.

Da parte sua la Cgil ritiene necessaria un’analisi puntuale della situazione dei singoli territori regionali e per questo si prepara a presentare delle “piattaforme territoriali”, “perché solo dal protagonismo dei territori – insiste Ciavaglia – può e deve venire una nuova fase che ci consenta di invertire la tendenza rispetto alla lunga notte della crisi che stiamo attraversando”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!