Umbria mobilità, arriva il nuovo sequestro - Tuttoggi

Umbria mobilità, arriva il nuovo sequestro

Redazione

Umbria mobilità, arriva il nuovo sequestro

Dopo l’annullamento del Riesame la procura emette nuovo decreto. Nell'ipotesi di truffa "beneficiario la Regione"
Ven, 13/05/2016 - 12:51

Condividi su:


Appena 24 ore e la procura dopo l’annullamento del Riesame, ha disposto un nuovo atto di sequestro per i computer e alcuni documenti di due indagati di Umbria mobilità (il presidente della società Lucio Caporizzi e la segretaria di Busitalia Lucilla Pittoni rispettivamente difesi dagli avvocati Luca Gentili e Francesco Falcinelli). Rimosso il “difetto di motivazione del decreto”, che aveva portato al dissequestro l’altro ieri evidenziato dai difensori di Caporizzi e Pittoni nel ricorso al tribunale del Riesame, la Procura è tornata all’attacco con un nuovo dispositivo vergato dal pubblico ministero Manuela Comodi.

I due indagati per l’ipotesi di reato di truffa aggravata e falso ideologico, e in particolare il presidente Caporizzi, hanno difeso pubblicamente il proprio operato. Ma la tesi dell’accusa è un’altra. Nelle stesse carte il Riesame aveva sottolineato che “il pm, pur indicando categorie di cose da sottoporre a sequestro, qualificandole come beni pertinenti ai reati per i quali si procede, non ha tuttavia descritto, sia pur sommariamente, i fatti riconducibili agli ipotizzati reati. E pertanto risulta impossibile comprendere la relazione probatoria tra le cose di cui è stato ordinato il sequestro ed i fatti che le suddette cose dovrebbero contribuire a provare”.

Nel nuovo decreto firmato dalla Comodi tutte queste fattispecie sono indicate. Nella motivazione stavolta però il beneficiario della truffa non sarebbe più Ume o Busitalia, ma la stessa Regione dell’Umbria. L’ipotesi di truffa aggravata e falso ideologico è scaturita “per quei dati trasmessi all’Osservatorio nazionale sulle politiche del Tpl per ottenere contributi” .

Secondo l’ipotesi accusatoria, quindi, i dati da inviare all’Osservatorio sulle politiche del trasporto pubblico – che in base a quei rapporti ha erogato finanziamenti – sarebbero stati alterati. Di mezzo ci sono sei milioni di euro che, se non erogati, avrebbero potuto causare un danno irreparabile alle casse del trasporto pubblico regionale.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!