Umbertide, dallo Stato oltre 1.200.000 euro per il miglioramento sismico del Palazzo Comunale - Tuttoggi

Umbertide, dallo Stato oltre 1.200.000 euro per il miglioramento sismico del Palazzo Comunale

Redazione

Umbertide, dallo Stato oltre 1.200.000 euro per il miglioramento sismico del Palazzo Comunale

Gio, 05/12/2013 - 20:03

Condividi su:


Umbertide, dallo Stato oltre 1.200.000 euro per il miglioramento sismico del Palazzo Comunale

Ammonta a 1.278.750 euro il finanziamento ottenuto dal Comune di Umbertide per il miglioramento sismico del Palazzo comunale. La richiesta di finanziamento era stata avanzata in seguito al terremoto del 1997 e pochi giorni fa è stato comunicato dalla Regione lo stanziamento di oltre 1.200.000 euro a valere su fondi statali.
L'intervento di miglioramento sismico del Palazzo Comunale, previsto nel Piano triennale delle opere pubbliche per il 2015, è stato quindi anticipato dal 2014, senza che questo abbia comportato alcun onere aggiuntivo per il Comune. La decisione è stata presa nel corso dell'ultima seduta consiliare con l'approvazione (con il voto contrario del Pdl) dell'aggiornamento del Piano triennale delle opere pubbliche 2013-2015.
L'aggiornamento ha previsto anche l'inserimento per il 2014 di un altro intervento riguardante l'efficientamento energetico dei due edifici della scuola media Mavarelli – Pascoli. Per questo intervento il Comune di Umbertide ha avanzato alla Regione Umbria richiesta di finanziamento a valere sui fondi Por – Fesr riservati proprio agli interventi di efficientamento energetico degli edifici pubblici, di cui si è ancora in attesa di risposta. Il costo complessivo dei lavori ammonta a 600.000 euro che, se verrà approvato il progetto presentato dal Comune, sarà coperto per ben 540.000 euro dal finanziamento europeo. L'intervento consisterà nella sostituzione degli infissi oramai obsoleti con infissi adeguati che consentiranno una riduzione dei consumi di gas/metano di ben il 70% con un risparmio per le casse comunali di circa 20.000 euro all'anno.

Riproduzione riservata


Condividi su:


Aggiungi un commento