Turismo in Umbria, alberghi pieni a Capodanno | Per l’Epifania timori causa neve

Turismo in Umbria, alberghi pieni a Capodanno | Per l’Epifania timori causa neve

Molto bene il turismo anche a Natale | L’indagine di Federalberghi Umbria tra le imprese ricettive sull’andamento del settore durante le festività natalizie

share

Arriva dai risultati di una indagine Federalberghi Umbria Confcommercio tra un campione di 50 strutture ricettive associate su tutto il territorio regionale  la conferma che le festività hanno portato risultati eccellenti per il turismo in Umbria. Per ben  il 71% del campione l’andamento generale di tutto il periodo  è stato migliore del 2017 (stabile per il restante 29% degli alberghi ascoltati).

Per Natale in particolare il 47% delle strutture ha fatto registrare un tasso di occupazione medio delle camere dal 50 al 100%, e un altro 19,6% dal 25 al 49%,  con un aumento rispetto all’anno precedente che per oltre il 40%  del campione è andato da un minimo dell’11% ad un massimo del 100%.

Il Capodanno ha fatto poi registrare il “tutto esaurito”: il 96% degli alberghi ha avuto un tasso di occupazione medio tra il 75% e il 100%, e il restante 4% comunque superiore al 50%. Anche per la fine dell’anno significativo l’aumento del tasso di occupazione rispetto al 2017: lo hanno registrato ben il 57% delle strutture,  in questo caso in misura variabile. Anche la permanenza media è buona: 3 notti per il 33,3% del campione, 2 notti per  49%, appena il 9,8% solo un notte, il restante 7,9%  addirittura superiore alle 4 notti.

Significativo anche il dato sulle prenotazioni dirette, ovvero provenienti  tramite telefono, mail e sito proprio: sono state il 50% del totale per il 53% degli intervistati. I turisti insomma hanno cercato una sistemazione in Umbria senza passare dai cosiddetti OTA- Online Travel Agencies (tipo Booking), e quindi cercando di evitare il costo dell’intermediazione. Quanto alla provenienza,  sono arrivati nella nostra regione quasi esclusivamente italiani, in maggioranza dalle zone limitrofe del Centro Italia (41,2%), poi dal Nord (29,4%) e infine dal Sud (19,6%).

Se Natale e Capodanno sono andati alla grande, tra gli operatori c’è maggiore cautela, in base alle prenotazioni già ricevute, per quanto riguarda l’Epifania, dettata soprattutto dalle condizioni climatiche, in quanto la minaccia di neve diffusa un po’ ovunque non incoraggia gli spostamenti. Il 35,3% degli alberghi intervistati si attende comunque  un incremento del tasso di occupazione media tra il 25% e il 49% rispetto all’anno passato e l’11,8% tra il 50 e il 74%.  Saranno  le prenotazioni last minute in questo caso a decidere il risultato finale.

Federalberghi Umbria ovviamente soddisfatta per questo fine anno molto positivo, che fa seguito ad anni molto difficili per le imprese, frutto – evidenzia – delle campagne di promozione e comunicazione messe in campo dalla Regione Umbria. A  prova – fa notare la principale associazione di categoria del settore – della bontà della tesi da sempre sostenuta che bisogna investire sempre più in comunicazione turistica. E questo va fatto con continuità e con risorse adeguate anche in futuro. Il timore è che lo sforzo eccezionale in termini di impiego di risorse  compiuto per recuperare i danni di immagine provocati dal terremoto non abbia continuità, con effetti molto dannosi per un comparto che mostra una volta di più di avere un ruolo decisivo per l’economia regionale. Federalberghi sostiene parallelamente l’impegno delle strutture per una diffusa riqualificazione e per la scelta  consapevole dei punti di forza su cui fondare l’appeal della propria offerta: anche in questo caso sollecitando in parallelo la Regione a dare continuità all’impegno di risorse da destinare a  questo scopo.

share

Commenti

Stampa