"Troppi cinghiali", ma nei supermercati solo carni estere: a febbraio la filiera

“Troppi cinghiali”, ma nei supermercati solo carni estere: a febbraio la filiera

Massimo Sbardella

“Troppi cinghiali”, ma nei supermercati solo carni estere: a febbraio la filiera

Mer, 26/01/2022 - 12:07

Condividi su:


Regioni al lavoro dopo le linee guida nazionali | Quando il capo è nella disponibilità di squadre e cacciatori e quando resta invece della Regioni

Troppi cinghiali in Umbria (se ne stimano circa 70mila), con conseguenti danni alle colture e pericoli sulle strade. Eppure, nei supermercati si trova carne di cinghiale surgelata, proveniente dall’estero.

Da qui l’interrogazione della consigliera regionale Peppucci (Lega) affinché venga ripreso il progetto della filiera locale delle carni di cinghiale, avviata in via sperimentale nelle stagioni venatorie 2018/19 e 2019/20, prima della pandemia Covid.

Un progetto – sottolinea Peppucci – che potrebbe trasformare i cinghiali da problema in opportunità. E che consentirebbe di limitare i casi di illegalità nella macellazione delle carni. Tema ancora più importante alla luce dei rischi legati alla possibile diffusione della peste suina africana, dopo i casi riscontrati in Piemonte e in Liguria.

Selvaggina: bene dello Stato con la selezione, del cacciatore con le battute

In base alla legge 157/92 la selvaggina, patrimonio indisponibile dello Stato, diventa di proprietà del cacciatore che abbatte i capi nel periodo del Calendario venatorio. Non così, invece, per gli interventi di selezione e di controllo, al termine dei quali i capi abbattuti sono nella disponibilità d ella Regione.

Nel marzo del 2021 la Conferenza Stato – Regioni ha approvato le linee guida in materia igienica per la selvaggina. E sono in corso di aggiornamento le linee guida da parte delle Regioni.

Filiera, serve un flusso costante di carni

Per l’attivazione di una filiera serve un afflusso abbastanza regolare di carni, tenendo conto ovviamente della stagione.

Le squadre e i singoli cacciatori non sono ovviamente obbligati a conferire i capi abbattuti. Nel caso degli interventi di selezione, invece, la Regione può decidere preventivamente a chi destinare i capi, quindi con la possibilità di alimentare la filiera.

A febbraio il progetto per l’Umbria

L’assessore regionale Roberto Morroni ha annunciato che gli uffici della Regione Umbria stanno ultimando la proposta del progetto per la filiera delle carni di cinghiale. Proposta che a febbraio dovrebbe essere presentata alle associazioni venatorie e agricole.

Peste suina africana, scontro
sull’ipotesi di prolungare la caccia al cinghiale

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!