Trasimeno, Tevere, ordinanze acqua: anche l'Umbria ha sete

Trasimeno, Tevere, ordinanze acqua: anche l’Umbria ha sete

Redazione

Trasimeno, Tevere, ordinanze acqua: anche l’Umbria ha sete

Gio, 23/06/2022 - 15:49

Condividi su:


Emergenza al Nord, ma Umbria e Lazio classificate a rischio medio-alto | Ordinanze dei sindaci, fa discutere Sisti al Tg1 alla vigilia del Festival

Il Trasimeno ha perso un metro e 23 centimetri di acqua, calando di 3 cm negli ultimi quattro giorni. Il Tevere, il cui livello è tra 5,40 e 5,70 metri, è a quota 1 metro e 12 centimetri. In questo inizio estate in cui quasi tutta Italia è alle prese con la siccità, l’Umbria raggiunge il livello medio-alto di rischio. Non si è nelle condizioni nel Nord, ma nell’Italia centro meridionale solo il Lazio è messo peggio.

In Umbria, al momento, è fuori dall’allarme soltanto la Valnerina. A causa di un inverno poco piovoso e con scarse nevicate e di una primavera particolarmente arida. Un’estate rovente potrebbe creare serie problemi. Da gennaio a maggio le precipitazioni sono state la metà rispetto ai primi cinque mesi del 2021. Con un aumento dei rischi – tra l’altro – legati agli incendi nel corso dell’estate.

E così alcuni sindaci già hanno fatto ricorso ad ordinanze per limitare gli sprechi di acqua. Il primo, nelle maggiori città umbre, è stato il sindaco di Spoleto Sisti. Anche a seguito di una riduzione dell’invaso della diga di Arezzo del 35%. Giovedì il primo cittadino ha lanciato un allarme anche al Tg1. Una comparsata che a molti è apparsa inopportuna alla vigilia dell’avvio del Festival dei Due Mondi e considerando che la siccità sta colpendo mezza Italia, anche con effetti più drammatici.

Un provvedimento che si sta preparando anche a Terni. E sempre giovedì, anche il Comune di Orvieto ha pubblicato un’ordinanza sindacale che vieta di usare l’acqua dell’acquedotto per finalità non domestiche e non essenziali, come ad esempio il lavaggio dell’auto e il ricambio d’acqua delle piscine private. Un provvedimento che va incontro alla richiesta fatta in tal senso dal Servizio idrico integrato.

(nella foto la diga di Arezzo)

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!