Trasimeno Music Festival, conclusa con successo la 15esima edizione

Trasimeno Music Festival, conclusa con successo la 15esima edizione

Oltre al pubblico proveniente da tutto il mondo, fan della pianista canadese e direttore artistico del festival Angela Hewitt, ogni anno si aggiungono nuovi spettatori italiani ed umbri che partecipano ai concerti e alle iniziative collaterali del festival

share

Entusiasmo alle stelle per l’Associazione Trasimeno Music Festival a conclusione della 15esima edizione della manifestazione musicale internazionale.

Oltre al pubblico proveniente da tutto il mondo, fan della pianista canadese e direttore artistico del festival Angela Hewitt, ogni anno si aggiungono nuovi spettatori italiani ed umbri che partecipano ai concerti e alle iniziative collaterali del festival. Da sottolineare anche la consolidata attenzione delle testate giornalistiche straniere ed italiane ad ”uno dei più prestigiosi festival in Europa” e “uno dei migliori festival musicali in Italia”.

L’edizione 2019, iniziata il 29 giugno scorso, si è conclusa il 5 luglio con un Recital “sold out” di Angela Hewitt al Castello dei Cavalieri di Malta a Magione. Considerata una delle pianiste più eminenti attualmente in attività a livello internazionale, Angela Hewitt si esibisce regolarmente in recital e con le più rinomate orchestre in Europa, nelle Americhe e in Asia. Grazie alla sua profonda e vasta conoscenza della musica di J.S. Bach è annoverata tra i migliori interpreti del compositore al giorno d’oggi. Nel 2015, Angela è stata inserita nella “Hall of Fame” della rivista Gramophone, grazie alla popolarità di cui gode presso gli appassionati di musica di tutto il mondo. Lo scorso maggio, Angela ha ricevuto la più alta onorificenza concessa dal suo Paese d’origine: il titolo di Companion of the Order of Canada (assegnato solo a 165 cittadini canadesi viventi). Nel 2006 ha ricevuto un OBE dalla Regina Elisabetta II. E’ membro della Royal Society of Canada, ha sette dottorati onorari ed è Visiting Fellow del Peterhouse College di Cambridge, nel Regno Unito.

Durante il Trasimeno Music Festival, la Basilica Superiore di San Francesco ad Assisi, il Castello del Sovrano Militare Ordine di Malta a Magione, la Basilica di San Pietro e la Galleria Nazionale dell’Umbria a Perugia, il Teatro Signorelli a Cortona, hanno accolto grandi interpreti della musica classica di fama internazionale e giovani musicisti di talento che nell’arco di una settimana si sono avvicendati sul palcoscenico in un’atmosfera serena, apprezzata dagli attenti spettatori provenienti da tutto il mondo.

Oltre Angela Hewitt, si sono esibiti al TMF 2019: Coro Sinfonico di Milano Giuseppe Verdi – Matthew Halls, direttore – Anu e Piia Komsi, soprani – Anna Bonitatibus, mezzo soprano – Diego Godoy, tenore – Christian Senn, basso – Gloria Campaner, pianoforte – William Crane, harmonium – Mark Simpson, clarinetto –  Rodney Prada, viola da gamba – Cristiano Contadin, viola da gamba – Simone Vallerotonda, tiorba – Camerata RCO (solisti della Royal Concertgebouw Orchestra, Amsterdam) – Il Pomo d’Oro, orchestra – Emöke Baráth, soprano – Francesco Corti, clavicembalo e direttore orchestra Il Pomo d’Oro – il Quartetto Fauves che ha suonato per l’Anteprima Festival.

Il festival, oltre agli 8 concerti in programma nei 7 giorni, ha proposto anche iniziative collaterali come: l’incontro con lo scrittore inglese Ian McEwan, autore del romanzo “La ballata di Adam Henry” dal quale è stato tratto il film “The Children Act – Il verdetto” che si è tenuto il 2 luglio scorso al Teatro Signorelli di Cortona; il concerto “Anteprima Festival” che ha avuto luogo il 28 giugno presso la piazza del borgo di San Savino (frazione del Comune di Magione) che si affaccia sul Lago Trasimeno; si sono esibiti i giovani musicisti di talento che formano il Quartetto Fauves; i dibattiti pre-concerto moderati dal giornalista Eric Friesen  che si sono tenuti al Castello del Sovrano Militare Ordine di Malta a Magione il 3 e 5 luglio 2019.

Poiché moltissimi stranieri che frequentano il festival rimangono 9/10 giorni in Umbria, la manifestazione artistica riveste anche un ruolo di primo piano per la promozione e valorizzazione delle città e dei borghi in cui si tengono i concerti, dal punto di vista culturale, turistico e sociale.

L’Associazione Trasimeno Music Festival, per la realizzazione dell’edizione 2019 ringrazia: il Comune di Magione, Main Partner – i numerosi “Amici del Festival”, soci Donatori provenienti da tutto il mondo – la Regione Umbria per il contributo economico – la Galleria Nazionale dell’Umbria, Partner della manifestazione – il Sovrano Militare Ordine di Malta per la disponibilità ad ospitare i concerti al Castello di Magione – la Fondazione per l’Istruzione Agraria per la concessione dell’Abbazia e la Basilica di San Pietro di Perugia – l’Associazione Culturale Cappella Musicale della Basilica Papale di San Francesco Assisi per il concerto del 29 giugno – il Comune di Cortona per le iniziative del 2 luglio – l’Accademia degli Arditi di Cortona per la collaborazione alle iniziative del 2 luglio nel Teatro Signorelli – l’Associazione Turistica Pro Magione – la Pro Loco San Savino – Fazioli Pianoforti e Umbra Label per la sponsorizzazione del festival. La manifestazione si avvale del patrocinio dei Comuni di Assisi, Perugia, Magione e Cortona.

share

Commenti

Stampa