Trasimeno, fronte comune per cambiare il Piano sanitario

Trasimeno, fronte comune per cambiare il Piano sanitario

Redazione

Trasimeno, fronte comune per cambiare il Piano sanitario

Gio, 27/01/2022 - 19:17

Condividi su:


L'assemblea pubblica organizzata dai sindacati Cgil, Cisl e Uil e l'appello dei sindaci del comprensorio per modificare la bozza della Regione

Un’azione comune per una modifica sostanziale del Piano socio-sanitario. E’ quanto emerge dall’assemblea pubblica sul nuovo Piano sanitario regionale organizzata al Trasimeno dai sindacati Cgil, Cisl e Uil. Un confronto che si è tenuto a Castiglione, al quale hanno partecipato anche vari sindaci.

L’appello è quello di superare “campanili” e “casacche”, per aprire a un vero confronto sul futuro della sanità, non solo al Trasimeno, ma in tutta l’Umbria. Per far giungere così alla giunta regionale la voce dei territori con le loro criticità e i loro bisogni.

Il Trasimeno in particolare, è stato ricordato, è una zona importante della regione, mal momento “gravemente penalizzata” come è emerso nel dibattito.

L’appello dei sindaci del Trasimeno

Nei loro interventi i sindaci e amministratori del territorio – Matteo Burico di Castiglione del Lago, Giulio Cherubini di Panicale (e presidente dell’Unione dei comuni), Fausto Risini, di Città della Pieve, Sandro Pasquali di Passignano e l’assessora Eleonora Maghini per il Comune di Magione – hanno tutti rimarcato la compattezza e l’unità del territorio.

“Chiediamo alla Regione di ascoltare le proposte e le richieste che vengono da questo pezzo di Umbria – hanno detto i sindaci – per questo aderiamo all’iniziativa promossa dai sindacati, al fine di fare massa critica e ottenere quelle modifiche al piano socio-sanitario che sono assolutamente necessarie”.

I sindacati: proseguire la mobilitazione

I rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil hanno confermato la volontà di proseguire in questa mobilitazione (prossimo appuntamento giovedì 4 febbraio a Città di Castello) per costruire insieme ai territori una proposta da consegnare al confronto con la giunta regionale.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!