Tortora, mobilità cacciatori, storno e appostamenti fissi: l'appello Federcaccia alla Regione

Tortora, mobilità cacciatori, storno e appostamenti fissi: l’appello Federcaccia alla Regione

Redazione

Tortora, mobilità cacciatori, storno e appostamenti fissi: l’appello Federcaccia alla Regione

Ven, 03/09/2021 - 09:53

Condividi su:


Le richieste emersa dall'assemblea dell'associazione regionale, che chiede alla politica di recuperare una stagione venatoria partita male

Il recupero della tortora. La mobilità tra regioni. La deroga per storno e altre specie. Gli appostamenti fissi. Questi i temi su cui Federcaccia Umbria invita la Regione “a recuperare una stagione venatoria partita male”.

Federcaccia Umbra, riunita in Assemblea dopo gli adempimenti statutari, si è confrontata sulle problematiche che affliggono i cacciatori in questo particolare periodo complicato. Non solo per le vicende della pandemia da Covid-19, ma anche per rallentamenti su politica venatoria e sui programmi gestionali.

Troppi cinghiali e poche specie stanziali

È emersa una forte preoccupazione per il futuro della caccia, con le problematiche legate alla gestione delle popolazioni selvatiche, in particolare l’abbondanza del cinghiale e la scarsità di altre specie stanziali come fagiano e starne.

Tortora

La delusione per la vicenda della tortora, che ha portato alla mancata preapertura, e dei valichi montani ha reso necessaria una approfondita informativa da parte del presidente Simone Petturiti. “Perché i cacciatori – è la posizione di Federcaccia, condivisa da molte altre associazioni venatorie – sono disposti a fare qualche rinuncia, ma non ad essere mortificati. Pertanto ci si aspetta che la Regione faccia ogni sforzo per recuperare degnamente e dignitosamente la specie tortora tra le specie prelevabili già dal 19 settembre prossimo.

Gli altri nodi della caccia

Inoltre si sollecita la Regione ad affrontare e risolvere altre tre questioni per le quali siamo in grave ritardo.

La prima riguarda gli accordi interregionali per la reciprocità e interscambio dei cacciatori e la mobilità degli stessi tra le regioni confinanti con l’Umbria, in particolare Lazio, Toscana e Marche.

La seconda riguarda le deroghe di storno ed altre specie. “Problematiche – evidenzia Federcaccia – che sarebbe bene siano autorizzate da subito per non dover riconsegnare più volte documenti ai cacciatori”.

L’ultima questione, altrettanto importante e urgente, è il rilascio delle autorizzazioni per gli appostamenti fissi di caccia. Perché senza questo documento i richiedenti, che in molti casi hanno pagato quote di affitto, non vi possono accedere per la preparazione e la messa in ordine degli stessi capanni di caccia.

L’appello di Federcaccia alla Regione

“È inconcepibile se non disdicevole – lamenta Federcaccia – che oramai a ridosso dell’apertura della caccia non ci siano risposte a quanto sopra”.

Trattandosi di operazioni annuali e ripetitive, conclude Federcaccia Umbria il suo appello alla Regione, “sarebbe opportuno che vengano programmate per tempo e non raffazzonate per il rotto della cuffia”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!