Tornano a lavoro gli infermieri e operatori sanitari aggrediti al Pronto Soccorso - Tuttoggi

Tornano a lavoro gli infermieri e operatori sanitari aggrediti al Pronto Soccorso

Redazione

Tornano a lavoro gli infermieri e operatori sanitari aggrediti al Pronto Soccorso

Ven, 05/03/2021 - 14:59

Condividi su:


Tornano a lavoro gli infermieri e operatori sanitari aggrediti al Pronto Soccorso

Sono gli Infermieri, operatori sanitari e la guardia giurata che il 30 gennaio scorso erano stati aggrediti in Medicina d’Urgenza da un 32enne,

Hanno ripreso servizio nei giorni scorsi e stamattina sono stati ricevuti tutti insieme gli infermieri, gli operatori sanitari e la guardia giurata che il 30 gennaio scorso erano stati aggrediti in Medicina d’Urgenza da un 32enne, poi denunciato dalla Polizia di Stato.

La direzione dell’Azienda Ospedaliera Santa Maria ha organizzato una breve cerimonia per ringraziare tutto il personale coinvolto nella vicenda per la responsabilità e lo spirito di collaborazione dimostrati anche in una situazione così delicata.

Alla cerimonia erano presenti il direttore generale dell’Azienda Ospedaliera Pasquale Chiarelli; il direttore sanitario Sandro Vendetti; la dottoressa Maria Rita Bruscolotti, responsabile Risorse Umane; la dottoressa Alessandra Ascani, responsabile di Medicina d’Urgenza e i rappresentanti del Sitro (Servizio Infermieristico, Tecnico, Riabilitativo e Ostetrico) Valerio Di Nardo e Emanuele Orlandi.

Insieme a loro i lavoratori coinvolti: la dottoressa Simona Broccoletti, l’infermiera Elena Sbringhetti, l’operatrice sanitaria Tiziana Morgillo, gli infermieri Michel Giampietro e Giulio Pastura, la guardia giurata Fabio Carissimi.

Tenevamo particolarmente a riaccogliervi sul posto di lavoro nel migliore dei modiha spiegato il direttore generale Chiarelli per dimostrarvi l’apprezzamento di tutto l’ospedale per il senso di responsabilità dimostrato in una situazione così complessa e delicata come quella che si è venuta a creare”. “Il protocollo aziendale relativo alla sicurezzaha spiegato il direttore sanitario Vendetti ha funzionato nel migliore dei modi, con il coinvolgimento anche della guardia giurata e poi l’intervento delle forze dell’ordine. Il nostro impegno è quello di continuare ad aggiornare costantemente il personale sul fronte sicurezza, anche tramite corsi di aggiornamento e revisione costante delle procedure”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!