“Tevere torbido e odori nauseabondi”, Zucchini denuncia ennesimo caso “Ora basta”

“Tevere torbido e odori nauseabondi”, Zucchini denuncia ennesimo caso “Ora basta”

Il presidente dell’associazione Amici del Tevere lancia ancora l’allarme “Serve intervento urgente”, Umbertide Partecipa si fa promotrice di un’imminente assemblea pubblica

share

Sandro Zucchini, a nome della Associazione “Amici del Tevere” di Umbertide, torna a denunciare ancora una volta lo stato di forte degrado del fiume che, in meno di 12 ore, è passato da una situazione di perfetta limpidezza (foto sopra) ad un’altra di “torbidità assoluta (foto sotto), con odori nauseabondi che provocano in alcuni casi perfino mal di stomaco e bruciore agli occhi“.

Una situazione, quest’ultima, che ormai si ripete da troppo tempo, con continue segnalazioni e denunce da parte degli “Amici del Tevere”, che ad oggi non hanno sortito alcun effetto. L’ultimo caso ha poi dell’incredibile, in quanto è da molti giorni che non piove e, di conseguenza, tale cambiamento non può essere associato a fenomeni naturali.

Zucchini e Umbertide Partecipa, che si farà promotrice di un’Assemblea pubblica a cui verranno invitati tutti i soggetti competenti e le amministrazioni comunali per trovare una soluzione al problema, si chiedono: “Chi assicura che tali emissioni odorigene non provochino danni alle persone che giornalmente frequentano il lungotevere? Chi assicura che flora e fauna non vengano danneggiate irreparabilmente?”

“Tutto ciò crea un danno notevole sul piano turistico e commerciale. – aggiungono il presidente e l’associazione umbertidese – Inutili sono stati gli appelli rivolti al Comune da oltre un anno, affinchè lo stesso si facesse promotore di iniziative concrete a tutela della città. Ricordiamo che l’Altotevere ha l’incidenza di tumori più alta di tutta l’Umbria: chiediamo pertanto un intervento urgente degli organi preposti, Asl e Arpa, i quali devono comunicare come intendono far fronte ad un problema così grave. Chiediamo anche che vengano portati alla cittadinanza dati e analisi concrete sulla natura di tali episodi innaturali“.

share

Commenti

Stampa