Terremoto, il testo del secondo decreto | Comuni faranno interventi diretti | Marini a Spoleto - Tuttoggi

Terremoto, il testo del secondo decreto | Comuni faranno interventi diretti | Marini a Spoleto

Sara Fratepietro

Terremoto, il testo del secondo decreto | Comuni faranno interventi diretti | Marini a Spoleto

Pubblicato in Gazzetta ufficiale l'atteso decreto legge | Allargamento del cratere sarà deciso da Errani su indicazione dei presidenti di Regione | Via ad assunzioni per 350 persone | Disposizioni specifiche per il voto del referendum
Sab, 12/11/2016 - 00:01

Condividi su:


Sarà un’ordinanza del commissario straordinario per la ricostruzione Vasco Errani a stabilire gli ulteriori Comuni che beneficeranno delle misure straordinarie decise in seguito al terremoto  del 24 agosto. Ad ufficializzare quanto trapelato già negli ultimi giorni è il decreto legge pubblicato venerdì sera in Gazzetta Ufficiale recante “Nuovi interventi urgenti in favore delle popolazioni e dei territori interessati dagli eventi sismici del 2016”.

Qui il testo del nuovo decreto legge emanato dopo il terremoto del 30 ottobre

Allargamento del cratere, due ipotesi

L’allargamento del “cratere” sarà stabilito in base alle richieste delle Regioni. Per l’Umbria la presidente Catiuscia Marini, oggi in visita a Spoleto insieme al dirigente regionale Alfiero Moretti, ha indicato proprio e soltanto la città del Festival. Salvo clamorose sorprese, quindi, nella regione epicentro del sisma del 30 ottobre Spoleto dovrebbe aggiungersi al territorio della cosiddetta area interna Valnerina (14 Comuni da Norcia a Montefranco). L’articolo 1 del decreto legge, però, nel demandare al commissario straordinario l’individuazione dell’elenco aggiuntivo rispetto a quello contenuto come allegato al decreto legge 189 del 2016, prevede dei distinguo. “In   particolare, – recita il testo – l’elenco indica i Comuni ai  quali,  tenuto  conto  dell’impatto  dei danni  medesimi   sul   tessuto   economico-sociale,    sull’identità dell’aggregato  urbano  e  sull’omogeneità  delle   caratteristiche socio-economiche  del  territorio  interessato,  applicare  tutte  le disposizioni di cui al decreto-legge n. 189 del  2016,  e  quelli  in relazione  ai  quali,  limitatamente  al  Titolo  IV   del   medesimo decreto-legge,  far  riferimento  al  singolo  soggetto  danneggiato”.

In sostanza l’attesa ordinanza stabilirà chi beneficerà di tutte le disposizioni del decreto legge ricostruzione e chi invece usufruirà delle misure rivolte ai lavoratori e di tipo fiscale soltanto se è stato direttamente danneggiato dal terremoto. Concretamente, insomma, chi sarà in questa seconda parte di elenco beneficerà di misure di sostegno al reddito, stop alle tasse e sgravi fiscali soltanto se i propri immobili o attività saranno riconosciuti inagibili, al contrario dei Comuni dell’elenco redatto un mese fa dove ad essere coinvolti sono tutti indistintamente.

Nuova relazione della governatrice Marini  dopo il sopralluogo a Spoleto

terremoto eggi 4Se Spoleto finirà nell’elenco che sarà redatto da Vasco Errani – ma soprattutto se equiparato in toto alla Valnerina, sia perugina che ternana, oppure a diverso titolo – si saprà nei prossimi giorni. L’ultimo step, spiega la presidente della Regione Catiuscia Marini, sarà una sua seconda relazione sulla situazione umbra, dopo che nei giorni scorsi aveva già scritto al commissario straordinario per la ricostruzione chiedendo l’inserimento di Spoleto nel ‘cratere‘. L’intendimento della Marini è quello di confermare la sua richiesta. Lo ha spiegato lei stessa durante il sopralluogo in città che ha svolto venerdì pomeriggio. La presidente, insieme al sindaco di Spoleto Fabrizio Cardarelli, ha prima visitato Eggi, la frazione più a ridosso della Valnerina e più colpita dal terremoto del 30 agosto, dove decine di persone risultano al momento sfollate. Qui ha preso visione anche dell’abitazione dove un solaio è crollato addosso al letto di un ragazzo, che quella notte per puro caso non aveva dormito in casa. Poi la visita al centro storico di Spoleto, a palazzo e palazzetto Ancaiani, che hanno riportato pesantissime lesioni. Quindi a palazzo Mauri, dove l’attività di biblioteca è stata sospesa perché le vie di fuga danno su vicoli con immobili ritenuti al momento pericolosi, e via Monterone.

Sindaci potranno fare interventi diretti sul patrimonio culturale

Proprio la presidente della Giunta regionale dell’Umbria ha anticipato al primo cittadino spoletino alcuni provvedimenti contenuti nel decreto legge pubblicato in tarda serata  in Gazzetta ufficiale. Tra questi la possibilità per i Comuni (e non solo) di effettuare interventi diretti di messa in sicurezza sul patrimonio culturale senza aspettare l’intervento dei vigili del fuoco o delle Soprintendenze, inviando una semplice comunicazione al Mibact. Cosa che al momento stava creando anche situazioni di disagio, come nel caso del paese di Aliena, la frazione di Norcia ‘ostaggio’ del campanile pericolante. “I   Comuni interessati – è scritto all’articolo 6 del decreto – possono effettuare  gli  interventi  indispensabili,  ivi inclusi quelli di messa  in  sicurezza  degli  edifici,  per  evitare ulteriori danni ai beni culturali e paesaggistici presenti nei propri territori, dandone immediata comunicazione al Ministero  dei  beni  e delle attività culturali e del turismo”. Una disposizione che si applica anche ai proprietari e detentori dei beni culturali diversi dalle amministrazioni locali, come ad esempio le Diocesi e le parrocchie.

Arrivano inoltre altri 500mila euro per il sostegno all’agricoltura ed ulteriori fondi anche per il comparto zootecnico.

Subito interventi per gli edifici con danni lievi, possibili 350 assunzioni

Come già emerso negli ultimi giorni, il decreto legge consente di avviare subito gli interventi per quegli immobili dichiarati inagibili ma che hanno subito dei danni lievi. “I  soggetti  interessati  – recita l’articolo 9 – possono,   previa presentazione di apposito progetto e asseverazione  da  parte  di  un professionista abilitato che documenti il nesso di causalità tra  il sisma e lo stato della struttura, oltre  alla  valutazione  economica del danno, effettuare l’immediato ripristino della  agibilità  degli edifici e delle strutture”. Particolari disposizioni sono previste anche per i professionisti.

Viste le difficoltà in cui si trovano le amministrazioni comunali ad affrontare questa situazione di emergenza, poi, è prevista la possibilità di assumere in totale fino a 350 persone a tempo determinato, con professionalità di tipo tecnico o amministrativo, nel limite di spesa di 1,8 milioni di euro per l’anno 2016 e di 14,5 milioni di euro per l’anno 2017.

Le disposizioni sui container e le deroghe per le scuole

container collettivi terremoto

Una mappa dei contestati container collettivi

Per fronteggiare l’aggravarsi delle esigenze abitative nei territori delle Regioni Lazio, Marche, Umbria e Abruzzo colpiti dagli eventi sismici che si sono susseguiti a far data dal 24 agosto 2016, individuando soluzioni che consentano, nelle more della fornitura di diverse soluzioni abitative, un’adeguata sistemazione alloggiativa delle popolazioni, in un contesto comprensivo di strutture a supporto che garantiscano il regolare svolgimento della vita della comunità locale, assicurando anche il presidio di sicurezza del territorio, tenuto conto dell’approssimarsi della stagione invernale, i sindaci dei Comuni interessati forniscono al Dipartimento della protezione civile le indicazioni relative alle aree da destinare agli insediamenti di container, immediatamente rimuovibili al venir meno dell’esigenza“. E’ quanto recita l’articolo 2 del decreto legge che evidenzia anche che “il Dipartimento della protezione civile provvede alla installazione dei moduli di cui ai contratti stipulati per la fornitura mediante noleggio dei container, destinati ad esigenze abitative, uffici e servizi connessi, nel più breve tempo possibile, in relazione all’avanzamento dei lavori di predisposizione delle aree”. Nessun dettaglio in più in merito ai tanti contestati container collettivi, le decisioni in merito ai quali spettano ovviamente al Dipartimento di protezione civile.

Quanto alle scuole, grazie al decreto vengono derogate nell’area le disposizioni relative al numero minimo di studenti per classe. Deroghe sono previste agli Uffici scolastici regionali anche per quanto riguarda l’assegnazione di docenti, personale Ata o altro personale.

Le disposizioni in vista del referendum

L’articolo 10 del decreto legge contiene le norme transitorie per consentire il voto degli elettori fuori residenza a causa dei recenti eventi sismici in occasione del referendum costituzionale del 4 dicembre 2016: “In occasione del referendum costituzionale del 4 dicembre 2016, gli elettori residenti nei comuni individuati nell’allegato 1 del decreto-legge n. 189 del 2016, e in quelli individuati ai sensi dell’articolo 1 del presente decreto, che, a seguito dei predetti eventi, sono temporaneamente alloggiati in comuni diversi da quelli di residenza per motivi di inagibilità della propria abitazione o per provvedimenti di emergenza, possono essere ammessi a votare nel comune di dimora”.

(modificato alle 00:45)

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!