Terremoto, giovedì si consegnano 22 case tra Norcia e Cascia | Stanotte fiaccolata sul Vettore - Tuttoggi

Terremoto, giovedì si consegnano 22 case tra Norcia e Cascia | Stanotte fiaccolata sul Vettore

Redazione

Terremoto, giovedì si consegnano 22 case tra Norcia e Cascia | Stanotte fiaccolata sul Vettore

Le iniziative previste in occasione dell'anniversario dal sisma di Amatrice | Appuntamenti a Foligno e in Valnerina
Mar, 22/08/2017 - 11:14

Condividi su:


Terremoto, giovedì si consegnano 22 case tra Norcia e Cascia | Stanotte fiaccolata sul Vettore

Saranno consegnate giovedì, ad un anno dal terremoto che ha raso al suolo Amatrice, distruggendo anche Accumoli, Arquata del Tronto e San Pellegrino di Norcia, 22 nuovi alloggi in Umbria. In particolare saranno consegnate le prime 12 soluzioni abitative emergenziali a Cascia, mentre a Norcia 10 case popolari realizzate dall’Ater.

A un anno dai primi eventi sismici che hanno colpito l’Umbria il 24 agosto 2016, giovedì in Umbria sono in programma numerose iniziative per tracciare un bilancio di quanto è stato finora fatto nella fase dell’emergenza e per la ricostruzione. A molte di queste interverrà la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini. Mentre il Sasu (Soccorso alpino e speleologico dell’Umbria) ha scelto di celebrare questa tragica ricorrenza con una fiaccolata nella zona di Castelluccio di Norcia e del Monte Vettore, questa notte, proprio nel momento in cui un anno fa il terremoto sconvolgeva il centro Italia. Questa notte, quindi, gli uomini e le donne del Sasu saliranno sul Monte Vettore e, raggiunta la vetta, alle ore 3:36:32, ad un anno dal sisma, accenderanno delle fiaccole in ricordo di tutte le vittime del terremoto, con la speranza che quella luce possa ancora illuminare le vite di chi tanto ha perso, estendendo il pensiero e l’abbraccio anche a coloro che sono stati vittima del sisma che ha colpito Ischia.

Le celebrazioni di domani. Alle 8.45, nel Centro regionale di Protezione civile a Foligno, si terrà un incontro istituzionale con gli operatori della Protezione civile regionale dell’Ufficio speciale per la ricostruzione. Sono stati invitati, tra gli altri, il Prefetto, il Questore, i comandanti regionali e provinciali delle Forze dell’ordine, i Vigili del Fuoco, il Soprintendente regionale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio, i rappresentanti della Consulta del volontariato, i Presidenti delle Province e dell’Anci Umbria.

Alle ore 10.30, invece è in programma un Consiglio comunale aperto a Norcia (nel centro polifunzionale Boeri) sul tema: un anno di gestione dell’emergenza, ciò che resta da fare, l’avvio della ricostruzione. Porteranno il loro contributo: la consulta regionale del volontariato di protezione civile; il dirigente del Servizio organizzazione e sviluppo del sistema di protezione civile, Alfiero Moretti, la soprintendente ai beni archeologici, belle arti e paesaggio dell’Umbria, Marìca Mercalli, il presidente del Parco nazionale dei monti Sibillini, Oliviero Olivieri; il presidente della Provincia di Perugia, Nando Mismetti; il prefetto di Perugia, Raffaele Cannizzaro; l’arcivescovo di Spoleto – Norcia, mons. Renato Boccardo; la presidente della Regione Catiuscia Marini; il questore di Perugia Francesco Messina; i rappresentanti dei comandi regionali e provinciali di Esercito, Carabinieri, Guardia di finanza, vigili del fuoco, polizia stradale e provinciale.

 Alle 14.30 è prevista una visita ai negozi turistici di Norcia.

Alle ore 16 verranno consegnati dieci nuovi alloggi di edilizia residenziale pubblica, realizzati da Ater Umbria, in località Sant’Eustachio di Norcia, destinati ad altrettante famiglie le cui abitazioni sono non agibili a causa del sisma.

Alle 17,30 presso lo Spazio solidale 24 (via della Stazione 11) sarà presentato il libro “NORCIA, epicentro del mio cuore”

Alle ore 18, ad Avendita di Cascia, verranno consegnate dodici  casette (Sae).

Alle ore 18,30 a San Pellegrino di Norcia è in programma una messa presso il campo dove sono stati ospitati per mesi gli sfollati.

Sono previsti collegamenti televisivi sulle emittenti nazionali e regionali.

Ricostruzione, nuovo commissario | Gentiloni: “L’impianto messo in piedi funziona” | Il punto della situazione in Umbria

Il Sasu ricorda che erano le 3:36 del 24 agosto 2016, quando una violenta scossa di terremoto colpiva le zone di Umbria, Marche e Lazio. Tutti i paesi lungo la Salaria da Amatrice fino ad Arquata del Tronto sono rasi al suolo. Subito scattavano le campane di allarme e la macchina organizzativa del Soccorso Alpino e Speleologico Umbria (SASU) si metteva in movimento A meno di tre ore dalla prima violenta scossa, 50 soccorritori venivano dislocati lungo l’area maggiormente colpita. Ore ed ore passate a scavare in mezzo a cumuli di macerie, senza soluzione di continuità, per cercare di salvare più vite possibili. Ad ogni vita salvata un scarica di adrenalina si abbatteva su di loro, urla di felicità ed applausi ma subito ricominciavano a scavare, senza sosta. Così per tre giorni e tre notti i tecnici del SASU, insieme ai colleghi del Lazio e delle Marche, con tanti altri volontari del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico provenienti da ogni regione d’Italia, hanno lavorato in uno scenario di distruzione e dolore inimmaginabile. Tre giorni e tre notti senza concedersi un attimo di pausa perché non c’era tempo, ogni secondo è prezioso, ogni istante è vitale in queste situazioni. Il terreno sempre in movimento, scosse continue, incessanti; ma si continuava a scavare. Dopo settantadue ore trascorse in quello scenario apocalittico, pieno di morte e disperazione, l’attività di ricerca e soccorso venne chiusa dopo l’estrazione dell’ultimo corpo ormai esanime. Per molti di loro non era la prima volta che si trovavano a lavorare in una situazione del genere: era già successo nel 2009 a L’Aquila. Anche lì lo stesso terrificante dramma. Per mesi hanno affrontato ogni tipo di emergenza, a volte ripetendo sempre lo stesso triste copione, come per le scosse del 26 e del 30 ottobre dove in quel caso, per fortuna, il terremoto non ha ucciso nessuno ma ha raso al suolo interi comuni, paesi, luoghi di culto.  Dall’emergenza del terremoto sono passati direttamente all’emergenza neve con una nuova crisi sismica che, purtroppo, il 18 gennaio ha visto staccarsi una valanga dal Monte Siella abbattendosi sull’hotel di Rigopiano, portando di nuovo morte e disperazione. Anche lì, con gli sci e tutta la forza fisica possibile, hanno cercato e scavato per sei giorni, concedendosi solo il tempo necessario per recuperare le energie e tornare nella neve. Dal 30 di Ottobre, fino ai primi di gennaio i soccorritori del SASU hanno presidiato le zone di Norcia anche con una cucina mobile pronta a sfornare oltre 150 pasti al giorno, provvedendo al rifornimento di beni di prima necessità nelle frazioni circostanti: Castelluccio di Norcia, isolato dopo la scossa del 30 ottobre, è stato raggiunto quotidianamente, per fornire alle persone rimaste nel paese, farmaci, viveri e supporto. Per dieci mesi i soccorritori del SASU si sono presi cura di Castelluccio, dei suoi abitanti e delle loro montagne.

Tutta l’attività svolta in questo lungo anno, le energie spese, l’attenzione rivolta ad ogni persona, animale e cosa in tutti i luoghi devastati, hanno rafforzato ancora di più il legame tra i soccorritori ed il territorio con i suoi abitanti, interiorizzando anche le loro storie, il dolore, le speranze e la granitica dignità. Per commemorare tutte le vittime dei tristi eventi sismici iniziati il 24 agosto 2016, il Soccorso Alpino e Speleologico Umbria, ha deciso di ricordarle proprio a Castelluccio e sul Monte Vettore. Precisamente, domani notte, 24 agosto 2017, gli uomini e le donne del SASU saliranno sul Monte Vettore e, raggiunta la vetta, alle ore 3:36:32, ad un anno dal sisma, accenderanno delle fiaccola in ricordo di tutte le vittime del terremoto, con la speranza che quella luce possa ancora illuminare le vite di chi tanto ha perso, estendendo il pensiero e l’abbraccio anche a coloro che sono stati vittima del sisma che ha colpito Ischia.

(ultimo aggiornamento alle ore 10 del 23 agosto)

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!