Terremoto, crepe e danni ai solai nelle scuole | Chiusa la Carducci - Purgotti - Tuttoggi

Terremoto, crepe e danni ai solai nelle scuole | Chiusa la Carducci – Purgotti

Cristiana Mapelli

Terremoto, crepe e danni ai solai nelle scuole | Chiusa la Carducci – Purgotti

Cinque squadre del Comune al lavoro nei sopralluoghi | Le 12 classi dell'istituto di via Fonti Coperte saranno spostate al Giovanni Cena e al Lombardo Radice
Sab, 29/10/2016 - 11:16

Condividi su:


Terremoto, crepe e danni ai solai nelle scuole | Chiusa la Carducci – Purgotti

Aggiornato alle 14.

Dopo il sisma ora si contano i danni, anche a Perugia. Cinque squadre composte da geometri ed ingegneri quelle che il Comune di Perugia ha disposto per verificare eventuali danni alle strutture scolastiche del capoluogo e che hanno evidenziato qualche criticità che potrebbero prolungare la chiusura fissata su base regionale fino al 2 novembre. Particolare critica la situazione del Purgotti in via Fonti Coperte la cui chiusura è stata confermata nel corso di un’assemblea sabato mattina con il sindaco Romizi e dirigenti comunal e scolastici.

Terremoto, i danni in ogni Comune | In due giorni oltre 900 scosse

Tra gli istituti a rischio chiusura prolungata, la media Carducci in via Fonti Coperte. Proprio nell’ordinanza in cui il sindaco Andrea Romizi ha deciso la chiusura della scuola fino al 2 novembre compreso, viene spiegato come “si evidenzia criticità strutturali a carico dell’edificio” con “lesioni diagonali in corrispondenza dei maschi murari e lesioni di distacco dei solai dalle murature portanti in corrispondenza delle aule ai piani superiori”. Ma si rilevano anche “lesioni in corrispondenza delle scale di acceso ai piani primo e secondo”. A seguito di questi rilievi, l’amministrazione comunale ha ritenuto di avviare “le procedure per assicurare la continuità didattica in condizioni di sicurezza” e che, secondo indiscrezioni, servirebbe più tempo per permetterne la riapertura. Tutto in nome della sicurezza, ovviamente. La decisione sul da farsi è stata presa proprio sabato mattina: confermata la chiusura del plesso scolastico in considerazione delle lesioni riportate dalla struttura a seguito del terremoto ed accertate dagli uffici del Comune, coordinati da Piro e dalla Moretti, a seguito dei numerosi sopralluoghi effettuati.
Stante ciò, le 12 classi della Carducci-Purgotti verranno così spostate: 9 classi saranno ospitate presso la scuola primaria Giovanni Cena di Via Birago, mentre le restanti 3 classi troveranno posto presso la scuola elementare Lombardo-Radice di via Leonardo da Vinci. Le lezioni riprenderanno il 4 novembre, salvo difficoltà dell’ultima ora per il trasferimento.Questa decisione di spostare gli studenti in strutture limitrofe alla Carducci-Purgotti è stata assunta al fine di mantenere la continuità didattica, ma anche per evitare una dolorosa delocalizzazione della scuola con conseguente impoverimento del quartiere. “Al termine della riunione – sottolinea l’Amministrazione – tutti i presenti hanno concordato sull’opportunità di proseguire il percorso di dialogo avviato, con l’obiettivo di restare uniti per condividere e concordare tutte le soluzioni necessarie alla risoluzione dei problemi della scuola. Il sindaco e l’assessore hanno confermato che il tema dell’edilizia scolastica rappresenta un’assoluta priorità per l’Amministrazione comunale

Terremoto, sopralluogo Adisu | Strutture sicure senza lesioni

Il secondo istituto scolastico in cui sono rilevate delle criticità è l’immobile che ospita la materna, la primaria “G. Santucci” e la secondaria 1° Carducci — Purgotti, in via Chiusi (zona Settevalli). Secondo l’ordinanza si evidenziano “in corrispondenza dell’attacco trave — pilastro sul portale posto all’ingresso dell’edificio scolastico facciata sud, lato ovest e delle lesioni sulla sovrastante tamponatura e, dal successivo esame visivo condotto nei locali interni al livello sottotetto, si è riscontrato un parziale distacco del pannello di tamponatura posto al di sopra della lesione lungo tutto il suo perimetro”. Per quanto riguarda i lavori previsti, c’è il consolidamento del pannello lesionato i rapidi per far tornare gli alunni sui banchi già dal 3 novembre.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!