Suore di clausura scrivono a Mattarella e Conte "Tutelate la vita dei migranti" - Tuttoggi

Suore di clausura scrivono a Mattarella e Conte “Tutelate la vita dei migranti”

Redazione

Suore di clausura scrivono a Mattarella e Conte “Tutelate la vita dei migranti”

Clarisse e Carmelitane di 62 monasteri italiani, tra cui quelli di Montone e Città di Castello, si appellano a Capo dello Stato e presidente del Consiglio "Siamo preoccupate per il diffondersi di intolleranza e discriminazione"
Sab, 20/07/2019 - 10:28

Condividi su:


Suore di clausura scrivono a Mattarella e Conte “Tutelate la vita dei migranti”

Siamo sorelle clarisse e carmelitane scalze, accomunate dall’unico desiderio di esprimere preoccupazione per il diffondersi in Italia di sentimenti di intolleranza, rifiuto e violenta discriminazione nei confronti dei migranti e rifugiati che cercano nelle nostre terre accoglienza e protezione“. Comincia così la lunga lettera aperta sottoscritta dalle suore di 62 monasteri di clausura, tra cui quello delle Clarisse urbaniste di Montone e delle Clarisse cappuccine di Città di Castello, inviata in questi giorni al presidente della Repubblica Sergio Mattarella e al presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

Con questa missiva, spedita per conoscenza anche a Papa Francesco, le religiose vogliono “dare voce ai nostri fratelli e sorelle migranti che scappano da guerre, persecuzioni e carestie, affrontano viaggi interminabili e disumani, subiscono umiliazioni e violenze di ogni genere che ormai più nessuno può smentire“. Facendo loro l’appello contenuto nel ‘Documento sulla fratellanza umana’ firmato proprio dal pontefice e dall’imam di al-Azhar Ahmed al-Tayyeb chiedono infatti “ai leader del mondo e agli artefici della politica internazionale e dell’economia mondiale, di impegnarsi seriamente per diffondere la cultura della tolleranza, della convivenza e della pace“.

Tutto questo in particolar modo in nome di orfani, vedove, rifugiati ed esiliati dalle loro dimore e dai loro Paesi; di tutte le vittime di guerre, persecuzioni e ingiustizie; dei deboli, di quanti vivono nella paura, dei prigionieri di guerra e dei torturati senza distinzione alcuna. Anche noi, quindi, osiamo supplicarvi: tutelate la vita dei migranti!

Desideriamo sostenere coloro che dedicano tempo, energie e cuore alla difesa dei profughi e alla lotta a ogni forma di razzismo – concludono carmelitane e clarisse -, dissociarci da ogni forma di utilizzo della fede cristiana che non si traduca in carità e servizio, e obbedire alla nostra coscienza di donne, figlie di Dio e sorelle di ogni persona su questa terra, esprimendo pubblicamente la nostra voce“. Ma le suore di clausura, inoltre, si dicono anche ben disposte all’accoglienza: “Molti monasteri italiani appartenenti ai vari ordini si stanno interrogando su come contribuire concretamente all’accoglienza dei migranti, affiancando le istituzioni diocesane. Alcuni già stanno offrendo spazi e aiuti. Al tempo stesso, tutte noi cerchiamo di essere in ascolto della nostra gente per capirne sofferenze e paure”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!