Spoleto, Legambiente interviene sulla vendita della azienda agraria San Felice di Giano - Tuttoggi

Spoleto, Legambiente interviene sulla vendita della azienda agraria San Felice di Giano

Redazione

Spoleto, Legambiente interviene sulla vendita della azienda agraria San Felice di Giano

Gio, 12/12/2013 - 11:48

Condividi su:


di Legambiente Spoleto

Sono anni che il Comune di Spoleto cerca di vendere l’azienda agraria San Felice di Giano, è sempre stata considerata un peso, un corpo estraneo.
Nel frattempo sono cambiate molte cose, è cambiato il mercato immobiliare, la situazione economica generale, la disoccupazione ha raggiunto livelli preoccupanti.
I comuni lungimiranti hanno cambiato la propria idea di sviluppo, hanno capito quale è la strada per uscire dalla crisi, indirizzando le proprie politiche in maniera che la cultura, la qualità dei territori e della vita divengano il volano di crescita.
Il Decreto Legge n. 1 del 24 gennaio 2012 del Governo Monti prevede all’art. 66 prevede, nella sostanza, la vendita delle terre agricole pubbliche. Noi, e fortunatamente non solo noi, siamo fortemente contrari a tale ipotesi, ed in questa ottica, abbiamo, nel nostro piccolo, collaborato a costruire una alternativa concreta.
Ma lo stesso “Decreto Monti”, infatti, prevede anche la possibilità di assegnare tali terre pubbliche senza alienarle. All'interno del progetto-laboratorio Umbria Terra Sociale abbiamo collaborato alla stesura di una proposta di legge regionale, la numero 1325, accolta e presentata poi dai consiglieri Stufara, Galanello e Barberini dal titolo “Norme per favorire l’accesso alla terra e promuovere l’agricoltura sociale e la filiera corta”.
Tale proposta prevede l'affidamento delle terre pubbliche ad uso produttivo e sociale mantenendo la proprietà delle stesse pubblica, nonché una serie di norme di semplificazione amministrativa per la commercializzazione di prodotti agricoli di qualità.
Lo spirito è quello di rilanciare la piccola agricoltura, riferendosi ad un modello possibilmente biologico, a difesa della biodiversità e rispettoso sia dall'ambiente che dell'uomo, favorendo il commercio a chilometri zero.

Perché invece di vendere l'azienda non si pensa, magari in collaborazione con il Comune di Giano e la Regione dell'Umbria, di darla in affitto o in concessione? Pensare a un progetto che propone di usare l'azienda sia a fini reddituali, ma anche sociali, che combatta gli effetti della crisi i termini occupazionali e di servizi alla popolazione. Occupazione, inclusione sociale e integrazione sono le parole d'ordine della nuova programmazione agricola europea, che identifica, tra l'altro, le funzioni dell'agricoltore quella di produrre bene pubblico. Questa è una grande opportunità per il Comune di Spoleto: creare posti di lavoro e favorire l'agricoltura di qualità.
L’alienazione non è la risposta, ma l’ennesimo regalo al capitale, privatizzare ulteriormente le campagne produrrà latifondi attraverso la svendita ai grandi proprietari terrieri, alla agricoltura intensiva, a un modello agricolo e sociale che non vogliamo.

L’associazione si dichiara fin da ora disponibile a collaborare e a costruire questa ipotesi e invita l’Amministrazione ad accettare questa sfida, quella più importante, quella del lavoro, scommettiamo sul futuro.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!