Spoleto 56, a San Simone l’Odissea più pazza e divertente di sempre / Ovazione per gli attori di Irina Brook - Tuttoggi

Spoleto 56, a San Simone l’Odissea più pazza e divertente di sempre / Ovazione per gli attori di Irina Brook

Redazione

Spoleto 56, a San Simone l’Odissea più pazza e divertente di sempre / Ovazione per gli attori di Irina Brook

Mer, 10/07/2013 - 14:42

Condividi su:


(Jac. Bru.) – E’ un’odissea incredibilmente coinvolgente quella raccontata da Irina Brook nella sua “Trilogia delle Isole”. Un viaggio irto di pericoli che Ulisse e i suoi tre uomini superano con caparbietà ed ironia, mettendo in mostra a volte un fine ingegno, altre una buffa grossolanità. Alla fine, come nel poema di Omero, il protagonista riuscirà a riabbracciare la sua amata Penelope proprio quando questa è sul punto di accettare la corte di uno dei suoi improbabili pretendenti.

Per la prima di “Une Odissée”, domenica 7 luglio, la chiesa di San Simone è piena fino all’inverosimile, tanto che qualcuno è costretto ad assistere in piedi allo spettacolo. Evidentemente, le voci sulla bravura degli attori di Irina Brook sono circolata parecchio in città. Ci sono bambini, ragazzi, adulti e anche qualche anziano, tutti egualmente entusiasti, che hanno applaudito per almeno 5 minuti ininterrotti Renato Giuliani, Scott Koehler, Jeremias Nussbaum e Ysmahane Yaquini, straordinari interpreti della piece.

E’ il trionfo dell’immaginazione e della fantasia. Con una panchina usata a mò di nave e qualche semplice costume di scena, i quattro attori trascinano letteralmente gli spettatori in questo incredibile viaggio. Ci sono tutti i “nemici giurati” di Ulisse: Polifemo, Circe, Poseidone, le sirene, i Proci, interpretati in chiave ironica e grottesca. E poi ci sono Penelope e Telemaco, mai rassegnati a dover vivere senza marito e padre. Lui, Ulisse, riesce a guidare i suoi uomini fino ad Itaca, dove dovrà uccidere i pretendenti di sua moglie che lei aveva invitato a sfidarsi in una gara di ballo. C’è un prestigiatore da strapazzo, una specie di monaco cinese, un produttore di formaggi immangiabili per quanto puzzolenti, una rockstar, tutti ridicoli e spassosi.

La Trilogia di Irina Brook è una delle scoperte più piacevoli di questo 56esimo Festival dei Due Mondi. Per l’ironia, a volte palese altre sottile, con cui vengono trattati alcuni temi, per l’energia e la bravura degli attori, per la straordinaria capacità di far immaginare il pubblico al di là dei pochi elementi di scena, per l’intreccio di lingue (francese, italiano e inglese) che conferisce un ritmo ancor più godibile alla recitazione. Une Odyssée, dei tre forse lo spettacolo più adatto ad un pubblico di giovanissimi, è un pezzo di teatro davvero convincente.

Riproduzione riservata ©

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!