SocialMente, tutta Magione in campo per sostenere cinque sue strutture socio-sanitarie - Tuttoggi

SocialMente, tutta Magione in campo per sostenere cinque sue strutture socio-sanitarie

Redazione

SocialMente, tutta Magione in campo per sostenere cinque sue strutture socio-sanitarie

Sabato 8 febbraio presentazione del progetto al Museo della Pesca. Previsti mostra fotografica, rassegna teatrale, workshop ed altro ancora
Ven, 07/02/2020 - 12:03

Condividi su:


SocialMente, tutta Magione in campo per sostenere cinque sue strutture socio-sanitarie

Un intero territorio mobilitato per valorizzare le proprie eccellenze in ambito socio-sanitario. Si intitola “SocialMente” il progetto promosso dall’Associazione Bar Teatro in collaborazione con l’assessorato alla cultura e l’assessorato ai servizi socio-sanitari del Comune di Magione che sarà presentato ufficialmente sabato 8 febbraio al Museo della pesca e del lago Trasimeno di San Feliciano.

Si tratta di un progetto culturale con finalità filantropiche e sociali che ha come obiettivo la valorizzazione delle attività svolte all’interno di cinque strutture operanti sul territorio magionese (Comunità alloggio ex Ospedaletto, Centro diurno Sant’Arcangelo, Casa Serena Zefferino Rinaldi, Casa alloggio I tulipani, Comunità Nuova Alba), favorire la divulgazione delle stesse alla cittadinanza e sostenere le loro iniziative attraverso la raccolta di fondi.

Il progetto è articolato e diluito nel tempo. Consta di una mostra fotografica, di una rassegna teatrale per le famiglie, di un workshop e di una serie di eventi collaterali che si protrarranno fino all’inizio dell’estate.

“Si tratta di un progetto plurale e articolato – dichiarano i promotori dell’iniziativa – che per la prima volta mette insieme due ambiti (culturale e sociale) che non sempre dialogano tra loro. In più l’obiettivo è infrangere barriere concrete e simboliche dovute alla diffidenza o alla mancata conoscenza di ciò che è una parte fondamentale del nostre welfare di comunità, e far partecipare gli ospiti delle strutture ad attività fuori dalle strutture. Con tali iniziative si vogliono coinvolgere tutti gli stakeholder del territorio in un grande progetto filantropico, che può rappresentare un format da replicare in altri contesti, efficacemente sostenuto da amministrazione, soggetti privati, imprenditoria locale, associazionismo”.

Quello di sabato prossimo rappresenta dunque l’evento di apertura, che prevede, dopo un momento di presentazione a pubblico e cittadinanza delle linee programmatica dell’iniziativa, uno workshop condotto da ciascuna delle strutture socio-sanitarie interessate con momenti di riflessione e testimonianze, oltre al taglio del nastro della mostra fotografica temporanea ospitata nel museo.

Vi prenderanno parte il sindaco di Magione Giacomo Chiodini, gli assessori alla cultura Vanni Ruggeri e ai servizi sociali Eleonora Maghini, rappresentanti del Consiglio Regionale, responsabili del distretto del Trasimeno (Usl Umbria1) e delle altre strutture, oltre ai promotori del progetto Fabio Pallotti e Paolo Bocciarelli per l’associazione Barteatro. L’appuntamento è per sabato 8 alle ore 10,30 nella Sala Barca del Museo.


Condividi su:


Aggiungi un commento