Silvio e la fellatio, le foto della scultura censurata da Sgarbi. Aperta la mostra a Spoleto - Tuttoggi

Silvio e la fellatio, le foto della scultura censurata da Sgarbi. Aperta la mostra a Spoleto

Redazione

Silvio e la fellatio, le foto della scultura censurata da Sgarbi. Aperta la mostra a Spoleto

Dom, 01/07/2012 - 02:30

Condividi su:


Eccole le foto della scultura che rischia di scatenare un terremoto politico sulla Mostra inaugurata stamani a Spoleto da Vittorio Sgarbi. Una donna chinata su un uomo, il cui volto somiglia molto all’ex presidente del consiglio dei ministri Silvio Berlusconi, nell’atto di una fellatio; opera del russo Michail Misha Dolgopov. I noto critico, in rotta con l’artista per la scelta dell’opera inviata a palazzo Racani Arroni (sede della Mostra), ha deciso una “parziale censura”, coprendo con un foulard di seta la testa della donna e l’enorme attributo dell’uomo in bronzo. Inutile dire che la curiosità ha spinto più di uno dei presenti a sollevare il fazzolettone.
Ha avuto inizio così la conferenza stampa di presentazione dell’evento artistico – che nei giorni scorsi ha registrato il divorzio fra Sgarbi e la Fondazione Festival dei 2 Mondi – al quale hanno preso parte i nomi più belli dell’arte contemporanea. A cominciare da Gillo Dorfles, 103 anni e non sentirli, salutato con un lungo applauso dai 150 presenti che hanno affollato la saletta. E ancora Pier Luigi Pirandello, figlio di Fausto (le cui opere tornano a Spoleto) e nipote del celebre scrittore, il direttore generale del Mibac Manuel Guido, il sovrintendente per l’Umbria architetto Scoppola e il presidente della Fondazione Roma Emanuele Emanuele. Presente anche Katia Ricciarelli che non ha voluto mancare all’evento.
Sgarbi è tornato ad attaccare il Festival annunciando che questa sarà l’ultima volta che organizzerà eventi durante la kermesse, “forse qualcosa la faremo alla Rocca Albornoziana” ha detto confermando che l’amore per Spoleto è indistruttibile. Poi lo scambio di battute con Emanuele: “a Roma non c’è un sindaco – ha detto Sgarbi – ma per fortuna c’è Emanuele la cui Fondazione fa tanto per l’arte…..certo devo riconoscergli che aveva compreso prima di me che non era il caso di continuare con il Festival dei 2 Mondi” ha concluso lanciando una ulteriore freciata a Ferrara. “Vittorio è l’ultimo genio di questo Paese – ha risposto il presidente della Fondazione Roma – vede laddove altri non vedono”.
(Carlo Ceraso – foto di Carlo Vantaggioli)

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!