Siccità, la Camera approva una risoluzione per lo stato di calamità - Tuttoggi

Siccità, la Camera approva una risoluzione per lo stato di calamità

Redazione

Siccità, la Camera approva una risoluzione per lo stato di calamità

Mar, 25/09/2012 - 17:25

Condividi su:


Votato oggi all’unanimità dalla Commissione Agricoltura il documento per dichiarare lo stato di calamità per i territori colpiti dalla siccità ed attivare tutte le misure necessarie per limitarne e prevenirne gli effetti : questi in sintesi i contenuti della risoluzione approvata all’unanimità oggi,dalla Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati.

La siccità ha colpito anche l'Umbria– “Tra questi territori – ha spiegato il deputato Pd Carlo Emanuele Trappolino– vi è sicuramente l’Umbria, una delle regioni italiane a maggiore vocazione agricola, dove i danni ammontano ad oltre 70 milioni di euro e dove culture tradizionali fondamentali per l’economa e l’occupazione locale come tabacco, olive, mais e girasole hanno registrato perdite che vanno dal 30 al 40 per cento rispetto all’anno precedente. Senza dimenticare le criticità del settore vitivinicolo dove è previsto, secondo le stime dell’Ismea, un calo quantitativo di prodotto superiore al 20 per cento. Le ricadute negative della siccità hanno coinvolto anche il settore zootecnico: l'eccessivo caldo, ha provocato una riduzione della produzione di latte e la carenza di pascoli ha comportato ripercussioni sull’allevamento dei bovini da carne”.

Il documento, che è la sintesi di alcuni testi tra cui quello del deputato Pd , impegna testualmente il governo, nelle Regioni in cui le produzioni agricole e zootecniche sono state gravemente danneggiate dalla mancanza di acqua, ad “accelerare le procedure per le dichiarazioni di stato di calamità”; “ad integrare il Fondo di Solidarietà nazionale per gli interventi compensativi”; ad “accordare la richiesta di deroga al piano assicurativo nazionale”; ad assistere “le aziende in difficoltà attraverso l’accesso agevolato al credito, il differimento del pagamento di tasse e oneri previdenziali e la sospensione delle rate per i prestiti di credito agrario”; a verificare l’attuazione “degli investimenti riguardanti il Piano irriguo nazionale” prevedendo la possibilità di utilizzare anche le risorse del Piano di Sviluppo Rurale per realizzare infrastrutture idriche; ed a promuovere, anche in agricoltura, un nuovo modello di risarcimento “basato sulle assicurazioni agevolate e volontarie”.

“La risoluzione – commenta con soddisfazione Carlo Emanuele Trappolino – rappresenta, un atto di indirizzo efficace e concreto, nei confronti del governo, per sostenere economicamente quei territori maggiormente colpiti, soprattutto in vista della Conferenza Stato – Regioni di domani che vede all’ordine del giorno proprio la discussione dei danni causati dalla siccità”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!