Sesso in chat, don Vincenzo in comunità ma col braccialetto

Sesso in chat, don Vincenzo in comunità ma col braccialetto

Redazione

Sesso in chat, don Vincenzo in comunità ma col braccialetto

Lun, 04/10/2021 - 14:28

Condividi su:


L'ex parroco di San Feliciano accusato di prostituzione minorile aggravata potrà stare ai domiciliati in una struttura di Città di Castello

Potrà uscire dal carcere di Spoleto (nella foto), dove è recluso da più di due mesi, don Vincenzo Esposito, l’ex parroco di San Feliciano accusato di prostituzione minorile aggravata per aver fatto sesso in chat con ragazzini siciliani.

Il giudice per le indagini preliminari di Palermo ha infatti disposto per lui la misura degli arresti domiciliari con l’installazione del braccialetto elettronico.

Don Vincenzo, se accetterà, potrà quindi restare agli arresti domiciliari a Città di Castello, nella struttura per sacerdoti con disturbi psichiatrici e altri problemi, Villa Sacro Cuore.

Il prete non potrà avere contatti con l’esterno, neanche telefonici o telematici.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!