Servizio civile nazionale, 29 i posti disponibili ad Umbertide

Servizio civile nazionale, 29 i posti disponibili ad Umbertide

C’è tempo fino alle 14 del 30 giugno per presentare la domanda di partecipazione ad uno degli 8 progetti finanziati

share

C’è tempo fino alle ore 14 del 30 giugno prossimo per presentare la domanda di partecipazione al Servizio civile nazionale, esperienza di vita e di lavoro riservata ai giovani di età compresa tra 18 e 28 anni.

Ad Umbertide sono 8 i progetti finanziati, 4 promossi da Arci Servizio civile e 4 dalla Lega Nazionale delle Cooperative e Mutue, per un totale di 29 posti disponibili.

Questi i progetti presentati da Arci servizio civile: “Diritti” per un totale di 4 posti finalizzati alla promozione dello sport nelle scuole primarie di Umbertide come strumento di integrazione, con particolare riferimento ai disabili, e al potenziamento dello strumento del Tavolo per lo Sport; “Il futuro abita nel passato” con 4 posti per l’assistenza e l’integrazione degli anziani ospiti della Residenza Balducci; “Vi auguro di essere eretici” con 4 posti per il tutoraggio scolastico a favore di adolescenti portatori di handicap; “A scuola e nel territorio” con 8 posti per l’assistenza agli studenti disabili che frequentano le scuole del territorio.

La Lega Nazionale delle Cooperative e Mutue ha invece proposto i seguenti progetti: “Anziani amici della città” con 2 posti come volontari per l’assistenza agli anziani ospiti della Residenza Balducci; “Lucignolo e Iqbal Generazione Hasthag” con 3 posti per l’assistenza e l’animazione presso il centro di aggregazione per minori Lucignolo; “Merlino” con un posto finalizzato a favorire l’inclusione sociale dei disabili ospiti del Centro Arcobaleno; “Spazi di vita quotidiana” con 3 posti per l’assistenza agli adulti con disagio mentale presso la comunità terapeutica-riabilitativa Torre Certalda e le unità di convivenza di via Gagarin e via dei Patrioti.

E’ possibile presentare una sola domanda entro il termine ultimo del 30 giugno prossimo, indirizzandola direttamente all’Ente che promuove il progetto.

share

Commenti

Stampa