Scandalo corruzione in Sicilia, spunta il nome di Sara Tommasi tra le presunte escort coinvolte

Scandalo corruzione in Sicilia, spunta il nome di Sara Tommasi tra le presunte escort coinvolte

share

Lu. Bi.
Mentre il film “Vip Sesso e Potere” continua ad essere uno dei titoli porno più richiesti, Sara Tommasi rischia di essere gettata nel vortice di un altro ciclone da sexgate.
Nello scandalo che sta coinvolgendo la politica in Sicilia, sembrerebbe infatti spuntare proprio il nome della showgirl Sara Tommasi. Il condizionale è d’obbligo visto che la vicenda è, per molti aspetti avvolta nel mistero. Facciamo un po’ di chiarezza su come la neo pornostar di Narni potrebbe essere coinvolta negli scandali siciliani.
Sono decine gli indagati a vario titolo peraver pilotato appalti dei grandi eventi in Sicilia, appropriandosi di ingenti somme derivanti dai fondi europei destinati alla formazione professionale dei giovani e alla lotta contro la disoccupazione. A portare alla luce quanto accadeva in Sicilia, sarebbero stati due pentiti, che collaborando con gli inquirenti hanno portato al presunto ‘direttore d’orchestra’ di tutto il carrozzone, Fausto Giacchetto. I soldi venivano utilizzati per viaggi, abbonamenti in tribuna vip allo stadio, e, a volte, in escort. Ecco dove spunterebbe il nome di Sara Tommasi. Uno dei pentiti avrebbe detto agli inquirenti che Giacchetto gli aveva incaricato di effettuare un bonifico di 3mila euro con causale Sara. Sempre secondo indiscrezioni, il collaboratore avrebbe aggiunto che qualche giorno dopo il bonifico avrebbe ricevuto una bozza di contratto di cessione diritti di utilizzo di immagini fotografiche tra la “Media Center” e la Tommasi, affinchè fosse firmato. Il pentito non avrebbe invece mai ricevuto il contratto firmato dalla controparte, né la fattura del bonifico effettuato. Giacchetto avrebbe lasciato intendere che il bonifico non era per un servizio fotografico, ma per servizi di altra natura.
©Riproduzione riservata

share

Commenti

Stampa