Sanità, innovazione di processo e tecnologica nelle erogazioni delle prestazioni sanitarie - Tuttoggi

Sanità, innovazione di processo e tecnologica nelle erogazioni delle prestazioni sanitarie

Daniela Caprino

Sanità, innovazione di processo e tecnologica nelle erogazioni delle prestazioni sanitarie

Convegno organizzato dal Consiglio Nazionale Ingegneri e dall’Ordine degli Ingegneri della provincia di Roma sul tema "Il ruolo dell’innovazione di processo e tecnologica nelle erogazioni delle prestazioni sanitarie nel Servizio Sanitario Nazionale"
Lun, 09/12/2019 - 19:49

Condividi su:


Al convegno organizzato dal Consiglio Nazionale Ingegneri e dall’Ordine degli Ingegneri della provincia di Roma sul tema “Il ruolo dell’innovazione di processo e tecnologica nelle erogazioni delle prestazioni sanitarie nel Servizio Sanitario Nazionale” a Palazzo San Macuto, hanno preso parte il Presidente del CNI Ing. Armando Zambrano e il Presidente dell’Ordine Ingegneri di Roma Carla Cappiello.

Ha presieduto il convegno il prof. Riccardo Fatarella, docente LUISS Business School. Armando Zambrano, Presidente Consiglio Nazionale Ingegneri aprendo i lavori dice: “In una realtà in cui l’innovazione è ostacolata dal sistema burocratico il CNI si sta muovendo per fornire sempre più servizi (come l’accreditamento) al fine di rendere maggiormente attrattivo l’albo per gli iscritti e non, così da incentivare l’iscrizione anche degli ingegneri del 3° settore che si occupano di salute, ancora troppo “di nicchia”, fondamentali per tale processo innovativo”.

Carla Cappiello, Presidente Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma, dice: una trasformazione digitale della sanità, non può essere un processo improvvisato, ma deve essere frutto di una strategia, che tenga conto di tutti gli ambiti di dove si può innovare: dalla gestione del paziente alla digitalizzazione dei processi.

Per far questo si deve contemporaneamente valutare il grado e il livello di “maturità” digitale, nel caso Italiano, di Aziende Sanitarie e Regioni, per realizzare strategie efficaci.”

Nicola Mangia, General Manager della DXC Italia Italy Public Sector “l’intelligenza umana” a servizio della digitalizzazione del sistema sanitario è il risultato di mesi e mesi di lavoro del raggruppamento SGI Sanità capitanato da DXC accanto alle Aziende sanitarie nazionali. “Da nord a sud il cambio organizzativo è possibile, le tecnologie ci sono serve la condivisione di modelli ed esperienze”.

Secondo Lorenzo Bartoletti amministratore unico della Medical Line Consulting “dallo stimolante convegno emerge come tutti i soggetti, operatori pubblici o privati, oggi concorrono in armonia per un bene comune, il SSN. In questo contesto le esternalizzazioni, oggi strutturali all’interno del SSN stesso, debbano però avere maggior attenzione a livello Istituzionale e da parte del legislatore.”

Secondo Davide Arcidiacono Executive Vice President EPS Spa “nell’agenda politica nazionale ed europea degli investimenti in Sanità, il PPP va ripensato e rilanciato con azioni di policy più coraggiose che mirino a superare la reciproca diffidenza tra pubblico e privato“.

“EPS, società leader nel mercato dei Servizi in Sanità, è da sempre impegnata alla valorizzazione e promozione di formule innovative che consentano la sostenibilità economica degli investimenti in infrastrutture e tecnologie. In tal senso, una possibile soluzione al problema degli alti debiti pubblici che non permettono di finanziare gli investimenti, è quella di sovvenzionarli tramite le partnership tra pubblico e privato. “

Hanno partecipato tra gli altri Eugenio Guglielmelli prorettore alla Ricerca Università Campus Bio-Medico di Roma, Gennaro Sosto direttore generale – ASL Napoli 3 componente gruppo per la valutazione economico – gestionale dei servizi di telemedicina Istituto Superiore Sanità, Enza Bruno Bossio, commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni Camera dei Deputati, la Sen. Maria Rizzotti componente commissione Igiene e Sanità Senato della Repubblica e il Prof. Alessandro Stecco Presidente Commissione Sanità Consiglio regionale del Piemonte.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!