San Gemini, consiglio comunale aperto su Acque Minerali ma la proprietà non si presenta - Tuttoggi

San Gemini, consiglio comunale aperto su Acque Minerali ma la proprietà non si presenta

Sara Fratepietro

San Gemini, consiglio comunale aperto su Acque Minerali ma la proprietà non si presenta

Lega: "Accordi mai stati rispettati ed è ora che la proprietà si assuma le proprie responsabilità". Nevi "Serve moral suasion"
Lun, 17/02/2020 - 18:53

Condividi su:


San Gemini, consiglio comunale aperto su Acque Minerali ma la proprietà non si presenta

Chi si aspettava che qualche rappresentante del gruppo Acque Minerali Sangemini – Amerino si presentasse al consiglio comunale aperto indetto proprio per parlare della vertenza è rimasto deluso. Ancora una volta, infatti, la proprietà è stata assente e le istituzioni locali sono rimaste senza interlocutori.

Il consiglio comunale straordinario era stato convocato dall’amministrazione comunale di San Gemini per lunedì pomeriggio in teatro, proprio per dare la possibilità a più gente possibile di partecipare. Ma le risposte che solo la proprietà poteva fornire non sono arrivate.

Acqua San Gemini, vertice a Roma tra sindacati e azienda che chiede altri 10 giorni

A stigmatizzare l’atteggiamento del gruppo è in primis la Lega, con il commissario di Terni Barbara Saltamartini ed i consiglieri regionali Daniele Carissimi e Valeria Alessandrini.

Saltamarini: “Convocheremo l’azienda in Commissione attività produttive”

“Dopo aver disertato l’incontro con le sigle sindacali, la proprietà delle Acque Minerali non si è presentata nemmeno al consiglio comunale aperto di Sangemini“. Così l’onorevole Barbara Saltamartini, commissario Lega della provincia di Terni. “Tale situazione non è più tollerabile. Convocheremo al più presto l’azienda in seno alla Commissione attività produttive che io presiedo e chiederemo al Mise di intervenire laddove l’azienda non tenga conto degli accordi siglati”.

La situazione ci riguarda da vicino – spiegano i consiglieri regionali Valeria Alessandrini e Daniele Carissimi (nella foto) – in quanto cittadini ternani che hanno a cuore il proprio territorio. Oggi gli stabilimenti produttivi e i lavoratori non devono essere lasciati soli, l’acqua Sangemini rappresenta un’eccellenza del nostro territorio, un marchio di identità territoriale, con rilevanza anche internazionale che va tutelata, per questo la politica deve dare segnali chiari.

Accordi mai rispettati da Acque Minerali d’Italia

Gli incontri tra le rappresentanze sindacali, i vertici dell’azienda e la Regione – commentano i tre esponenti leghisti – rappresentano solo un primo passo, tuttavia bisogna fare di più. Esistono degli accordi che la proprietà deve essere chiamata a rispettare, a cominciare dai vincoli di mantenimento occupazionale, per arrivare all’attuazione di seri programmi di ristrutturazione aziendale.

Tali vincoli, previsti fin dal 2018, garantivano il mantenimento dei posti di lavoro e prevedevano investimenti tesi al rilancio degli stabilimenti produttivi. Questi accordi non sono mai stati rispettati ed è ora che la proprietà si assuma le proprie responsabilità. Basta perdere tempo, basta rinviare i confronti necessari, la proprietà deve dare risposte. Resta inteso che ogni proposta che non difende la strategicità del sito umbro e che non garantisce la tenuta dei livelli occupazionali, deve essere dichiarata irricevibile”.

Nevi: “Fondamentale l’impegno di tutti”

Al consiglio comunale aperto c’era anche il deputato di Forza Italia Raffaele Nevi. “Oggi ho partecipato – spiega – al Consiglio comunale aperto convocato dal Sindaco di San Gemini sulla situazione dell’azienda Acque Minerali d’Italia che interessa i siti produttivi locali. Il marchio “Sangemini” è uno di quelli storici, la cui qualità è ampiamente riconosciuta e la cui incidenza sull’economia va ben oltre il confine locale. Ho sottolineato che ritengo fondamentale l’impegno di tutti, istituzioni, politica, sindacati per definire una linea d’azione condivisa e fare in modo che ci sia chiarezza sul futuro dell’attività di questo importante sito produttivo e dei suoi lavoratori.

Per questo credo sia fondamentale il coinvolgimento del Governo nazionale affinché intervenga su questa delicata vicenda, anche attraverso un’opera di moral suasion nei confronti della proprietà, per avere le risposte che il territorio e i lavoratori di questa azienda aspettano”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!