San Feliciano, chiude Unicredit ma resta il bancomat

San Feliciano, chiude Unicredit ma resta lo sportello. Il Comune: “Presto azioni più incisive”

Redazione

San Feliciano, chiude Unicredit ma resta lo sportello. Il Comune: “Presto azioni più incisive”

Incontro con i vertici della banca e l'amministrazione
Sab, 29/02/2020 - 10:38

Condividi su:


San Feliciano, chiude Unicredit ma resta lo sportello. Il Comune: “Presto azioni più incisive”

 A farla da padrone sono i numeri e quelli della filiale UniCredit di San Feliciano non sono sufficienti a consentire il mantenimento dell’apertura della sede bancaria nella località lacustre.
A comunicarlo è stato lo stesso direttore della sede centrale di Perugia, Marzio Giogli, in occasione dell’incontro richiesto dal sindaco Giacomo Chiodini proprio per capire se esistessero i margini per continuare a tenere aperta una sede la cui chiusura va a penalizzare residenti e turisti.

L’incontro con la dirigenza

Al primo cittadino, accompagnato dal presidente del consiglio comunale, residente a San Feliciano, Daniele Raspati; è stata confermata la chiusura della filiale decisa nell’ambito di una riorganizzazione generale che sta interessando tutte le sedi d’Italia. Secondo il direttore, anche la prevalenza dei clienti della sede lacustre ha scelto l’home banking, circa 700 correntisti ogni mille, con pochi accessi allo sportello dato che le operazioni vengono fatte prevalentemente via internet.
Resterà invece attivo, visto che la sede è di proprietà di Unicredit, uno sportello bancomat esterno per i prelievi. Inoltre, verrà implementato il servizio nella sede UniCredit di Magione centro con un bancomat multifunzione, adatto a prelievi e depositi, in funzione 24 ore su 24.

“I numeri non siano l’unico elemento”

I numeri non possono diventare l’unico elemento per valutare la necessità di un servizio” è il commento di Daniele Raspati. “Qui abbiamo persone che hanno difficoltà a spostarsi – spiega – un grande numero di turisti nel periodo estivo e non possiamo avere come risposta uno sportello bancomat che forse, ipotizziamo, resterà fino a quando non verrà decisa la vendita dell’immobile. Valuteremo la possibilità di organizzare una riunione con tutta la cittadinanza per decidere insieme se portare avanti azioni più incisive al riguardo”. 

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!