Sabato 1 giugno, premiazione del Concorso sul mondo della scuola promosso dall’Associazione “Nel Nome del Rispetto”

Sabato 1 giugno, premiazione del Concorso sul mondo della scuola promosso dall’Associazione “Nel Nome del Rispetto”

All’Auditorium di Foligno, l’assegnazione degli attestati di merito e di riconoscimenti speciali tra gli oltre 3.500 studenti provenienti da ogni parte d’Italia a Foligno

share

E’ fissato per sabato 1 giugno a partire dalle ore 9,30, il momento culminante del concorso – sondaggio che ogni anno l’Associazione “Nel Nome del Rispetto” indice, giunto alla 3° edizione, e che sempre con maggiore partecipazione viene seguito ed affrontato da parte del mondo della scuola.

All’Auditorium di Foligno è infatti prevista la premiazione, l’assegnazione degli attestati di merito e di riconoscimenti speciali tra gli oltre 3.500 studenti che, provenienti da ogni parte d’Italia, giungeranno a Foligno per conoscere i risultati della selezione di elaborati, video e componimenti musicali aventi come tema il concetto del Rispetto, quest’anno da coniugare nell’ambito del titolo “Rispetto ed amore migliorano ogni relazione”.

Soddisfatta è la presidente dell’Associazione Maria Cristina Zenobi che sottolinea alla stampa il crescente interesse non solo del mondo scolastico ai temi propugnati dall’associazione, ma anche degli insegnati e dei genitori. Quest’anno poi, ricorda la Zenobi, il concorso è stato esteso anche alle case circondariali minorili e per adulti, con l’adesione di ben 120 partecipanti, compiendo con tale iniziativa un’efficace operazione di inclusione sociale sottolineata da esperti sociologi ed operatori di settore, che hanno assicurato all’associazione pieno sostegno per i prossimi progetti. Tale convincimento è stato espresso anche dal Prefetto di Perugia, Dott. Claudio Sgaraglia, in occasione di un incontro in Prefettura teso a conoscere l’impegno educativo sul territorio del sodalizio folignate anche fuori dai confini regionali.

La Prof.ssa Cristina Virili, vice presidente, ha invece ricordato altri due momenti qualificanti e di crescita di recente conseguiti come, il primo, l’ingresso del Prof. Piergiorgio Odifreddi nel Comitato Scientifico dopo che il noto matematico e filosofo ha riconosciuto, in un incontro con l’Associazione, l’importante ed imprescindibile presidio del rispetto come presupposto della verità, e, il secondo, il riconoscimento da parte dell’Università Partenope, Dipartimento di Pedagogia, del metodo educativo elaborato dall’Associazione ed applicato nell’approccio ed apprendimento del concetto del Rispetto mediante la partecipazione al concorso e alla realizzazione dei diversi lavori da parte degli studenti.

Sempre maggiore anche il numero degli sponsor che sostengono le iniziative in programma durante l’anno; la crescente adesione di soci, giunti a quota 100; un comitato scientifico variegato di professionalità che conta 14 membri e di una giuria di 39 persone tra docenti, genitori, giornalisti, sociologi, avvocati, psicologi, medici e artisti.

Testimonial per questa edizione quale esempio di rispetto delle regole per ottenere il successo, il pilota campione italiano di rally Francesco Fanari.

share

Commenti

Stampa