Riproduzione della “Stanza dei tormenti” di Narni in mostra a Venezia

Riproduzione della “Stanza dei tormenti” di Narni in mostra a Venezia

Cella inquisizione e sotterranei saranno presenti alla mostra nazionale di Venezia “Venice Secrets: Crime and Justice”

share

Ospitano l’unico esempio in Italia, perfettamente conservato di una “Stanza dei Tormenti” e di una prigione dell’Inquisizione i sotterranei di Narni dove, nel 1759, il detenuto Giuseppe Andrea Lombardini lasciò una miriade di simboli e graffiti di ispirazione alchemica e massonica, ammirati da migliaia di turisti all’anno.

Una ricostruzione della stanza, fa sapere l’assessorato al turismo del Comune di Narni, sarà esposta a Venezia in occasione di “Venice Secrets: Crime and Justice”, la straordinaria mostra sul crimine, la giustizia e la pena di morte nella Repubblica di Venezia che sarà inaugurata il prossimo 31 marzo a Palazzo Zaguri, a due passi da piazza San Marco, e resterà aperta per un anno.

Narni, in collaborazione con la Regione Umbria, sarà presente con la sua cella dell’inquisizione che occuperà una delle 36 sale allestite nell’esposizione. Due pareti sono state infatti ricostruite a grandezza naturale e completate con pannelli didascalici e descrizioni. “Di sicuro – dichiara l’assessore al turismo, Lorenzo Lucarelli, che sarà presente all’inaugurazione – una stupenda vetrina che premia l’impegno e la costanza dei volontari dell’associazione culturale Subterranea che da quasi 25 anni gestiscono, curano e valorizzano le preziose testimonianze presenti nel sottosuolo narnese.

La prestigiosa mostra – prosegue l’assessore – rinnova lo stretto  e secolare legame di Narni con Venezia, iniziato con Erasmo Gattamelata, morto nel 1443. Il celebre condottiero narnese al servizio della Serenissima fu insignito dal Doge delle più alte onorificenze per la sua fedeltà e il suo operato e proprio lui – conclude Lucarelli – rappresenta un ideale ambasciatore nel tempo della nostra città”.

Foto Narni Sotterranea di Silvio Sorcini – I luoghi del Silenzio

share

Commenti

Stampa