Prime consultazioni per "Casa Italia" | Bartolini "Semplificare procedure antisismiche" - Tuttoggi

Prime consultazioni per “Casa Italia” | Bartolini “Semplificare procedure antisismiche”

Redazione

Prime consultazioni per “Casa Italia” | Bartolini “Semplificare procedure antisismiche”

L' incontro si è svolto a palazzo Chigi con le Istituzioni, organizzazioni professionali, associazioni imprenditoriali e sindacali
Mer, 07/09/2016 - 08:54

Condividi su:


Il progetto “Casa Italia” richiederà “un lavoro che io credo debba andare avanti almeno per un decennio, senza che su questo si giochi alcuna battaglia politica” ha detto Renzi, durante l’incontro con Regioni ed enti locali. Martedì si sono svolte nella sala verde di palazzo Chigi le consultazioni con Istituzioni, organizzazioni professionali, associazioni imprenditoriali e sindacali. Gli incontri sono stati presieduti e coordinati dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi, dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti e dal Rettore del Politecnico di Milano Giovanni Azzone. A rappresentare l’Umbria, l’assesore regionale Bartolini, delegato a seguire la riunione per conto della Conferenza delle Regioni.

Lavorare senza fretta. Il presidente del Consiglio ha quindi spiegato a sindaci, Rappresentanti delle Regioni e delle Province che sul piano ci si dovrà prendere il tempo necessario per “fare le cose per bene”, senza fretta: “Dobbiamo immaginare una scommessa non per i prossimi mesi ma per i prossimi anni, un lavoro che non deve dare risultati domattina ma che rappresenti un’opera di vera prevenzione e serietà. Una scommessa infrastrutturale che tenga insieme interventi sulle scuole, bonifiche, banda larga, dissesto idrogeologico, periferie, impianti sportivi, tutto articolato insieme per progetto complessivo che abbia linee guida chiare e una regia di insieme. Vorrei che a tutti i sindaci, i presidenti di Regione e gli amministratori – ha concluso Renzi – arrivasse il messaggio che in Italia si torna a progettare, si torna a fare progettazione con criteri nuovi e tecnicamente all’avanguardia, per questo abbiamo coinvolto il rettore del Politecnico di Milano, Azzone, massima autorità in materia”.
,per Piano Casa servono linee guida

L’Umbria. “Le Regioni sono favorevoli al progetto Casa Italia perché fa tornare al centro la progettazione, servono però anche delle linee guida”: lo ha sottolineato al termine della riunione con il governo sul Piano Casa l’assessore dell’Umbria Antonio Bartolini, delegato a seguire la riunione per conto della Conferenza delle Regioni. “In questo senso le Regioni sono pronte a mettere a disposizione il proprio patrimonio di esperienze – ha aggiunto Bartolini – visto che in questi giorni si è parlato a lungo anche di modelli per la ricostruzione. Il tema centrale è semplificare le procedure” antisismiche, “l’idea del governo di prevedere dei criteri a monte sicuramente aiuterà” ha aggiunto Bartolini.
In ogni caso, parlando del confronto odierno, Bartolini ha detto che “le regioni apprezzano questo metodo inclusivo perché in materia edilizia e sismica siamo di fronte a una legislazione concorrente, quindi un metodo concertativo che pone un accordo preventivo sulle regole sicuramente consente l’accelerazione di tutti gli interventi che si vogliono mettere in piedi”. “Sono quattro i tipi di azione fondamentali” in cui si articolerà il progetto Casa Italia, ha detto Giovanni Azzone, rettore del Politecnico, al termine delle consultazioni a Palazzo Chigi con tutti i soggetti interessati.

Le linee d’azione. La prima linea di azione prevede la “messa a regime delle informazioni sul Paese”, anche attraverso l’uso di ‘big data’ che le rendano disponibili ai cittadini. La seconda è l’indicazione di “linee guida di intervento preventivo”, con il coordinamento del gruppo di lavoro del senatore e architetto Renzo Piano. La terza riguarda finanziamenti e procedure. La quarta è la formazione, con la Scuola nazionale di amministrazione a fare da ‘soggetto pilota’.“A fine settembre tireremo le somme e si procederà con la verifica tecnica” ha concluso, Matteo Renzi. Quanto “al tema delle risorse” che “è fondamentale”, “va collegato però con quelle che saranno le valutazioni effettive sul reale fabbisogno di risorse che richiede la strategia”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!