Presentata la 13esima edizione del Festival di San Biagio 2019 - Tuttoggi

Presentata la 13esima edizione del Festival di San Biagio 2019

Redazione

Presentata la 13esima edizione del Festival di San Biagio 2019

Presentati gli appuntamenti del festival che sarà dislocato tra Nocera Umbra e Gualdo Tadino
domenica, 11/08/2019 - 09:21

Condividi su:


Presentata la 13esima edizione  del Festival di San Biagio 2019

Ha tolto i veli presentandosi al pubblico venerdì 9 agosto nella prestigiosa location dell’Antico Monastero di San Biagio l’omonimo festival di San Biagio, kermesse di musica classica arrivata alla sua 13esima edizione, che quest’anno sarà dislocato tra il Comune di Nocera Umbra e quello di Gualdo Tadino.

La manifestazione promossa ed ideata dall’Associazione Culturale Festival di San Biagio, vede la collaborazione ed il patrocinio del Comune di Gualdo Tadino e del Comune di Nocera Umbra, oltre al sostegno del Rotary Club Gualdo Tadino e il rinnovato e prestigioso sodalizio con il Conservatorio F. Morlacchi di Perugia. Tra i rinomati enti che patrocinano l’iniziativa annoveriamo Regione Umbria, la Provincia di Perugia, il Comune di Perugia e la Fondazione Patrizio Paoletti.

Alla conferenza stampa di presentazione del Festival di San Biagio erano presenti: il Sindaco di Gualdo Tadino Massimiliano Presciutti, l’Assessore alla Cultura e Turismo di Gualdo Tadino Barbara Bucari, il Sindaco di Nocera Umbra Giovanni Bontempi, il Direttore del Conservatorio F. Morlacchi di Perugia Piero Caraba, il Presidente del Rotary Club di Gualdo Tadino Carlo Giustiniani, la direzione artistica del Festival Anna Villani e Mirko Fava; moderatrice Antonella Frontani giornalista e scrittrice.

“Il Festival ha raggiunto una caratura nazionale” – ha introdotto la moderatrice Antonella Frontani -, sottolineando due aspetti fondamentali di questa manifestazione, il primo è che il Festival si realizza in un territorio, l’Umbria, che valorizza al meglio la musica classica, per contesto naturalistico, storico architettonico ed artistico; il secondo è che quest’anno per favorire l’affluenza verso questi luoghi, sono state attivate due master class a San Biagio, una dedicata alla musica antica, terminata lo scorso 3 agosto,  l’altra  destinata alla musica da camera che si svolge in concomitanza al Festival a fine agosto.

“Condividiamo da anni l’esperienza dell Festival di San Biagio – ha sottolineato il Sindaco di Nocera Umbra Giovanni Bontempi – che rappresenta ormai un riferimento importante per tutto il territorio. Nonostante le ristrette disponibilità economiche a disposizione, il Comune di Nocera Umbra ha scelto di supportare iniziative musicali e culturali che hanno arricchito il nostro Centro Storico. Tra queste c’è l’apertura del Festival di San Biagio, che vedrà poi altri appuntamenti presso il monastero. Il connubio tra il nostro comune ed il Festival di San Biagio dunque continua a crescere e portare gente nel territorio”.

“Il Festival di San Biagio per noi, lo scorso anno, è stata una piacevole scoperta  – ha dichiarato il Sindaco di Gualdo Tadino Massimiliano Presciutti – grazie anche alla collaborazione del Rotary, e quest’anno siamo certi porterà ancora grandi risultati vista la qualità della manifestazione. Per questo motivo credo che dobbiamo far crescere il Festival oltre i 6 eventi in programma. Dobbiamo avere l’ambizione di far diventare il Festival di San Biagio ancora più importante, un punto di riferimento per tutti, con appuntamenti da svolgere durante tutto l’anno nei splendidi contenitori di cui dispone sia Gualdo Tadino sia Nocera Umbra, poiché la kermesse valorizza un territorio intero”.

“Il turismo da eventi – ha detto l’Assessore alla Cultura Barbara Bucari – ha ormai un’importanza strategica, così come le sinergie tra i Comuni sono importanti per valorizzare un territorio intero. Queste collaborazioni abbinate alla cultura sono fondamentali perché attraggono la gente a visitare i nostri luoghi. Il Festival di San Biagio è un esempio importante di qualità dell’offerta culturale, valorizzazione del territorio e di forte richiamo per i turisti che arrivano nel nostro territorio”.

“Quest’anno festeggiamo i 40 anni di attività – ha sottolineato il Presidente del Rotary Club Gualdo Tadino Carlo Giustiniani – e dopo il successo dell’anno passato era doveroso continuare a sostenere il Festival di San Biagio. Ringrazio gli organizzatori del festival e l’Amministrazione Comunale di Gualdo Tadino per la collaborazione mostrata e ricordo che la nostra associazione è sempre molto sensibili alle iniziative culturali. In questo 2019 oltre a questo Festival stiamo lavorando a diversi progetti, tra cui uno rivolto alla realizzazione di una struttura esterna per i ragazzi del Germoglio e poi quello che sostiene la Mostra la Stanza Segreta presso la Chiesa Monumentale di San Francesco a Gualdo Tadino”.

“Quest’anno siamo particolarmente fieri del fatto che il Conservatorio è presente in tutte le principali manifestazioni musicali, in Umbria Jazz, nella Sagra Musicale Umbra, in Universo Assisi, in Suoni Controvento, nel Festival di Montenero, nel Festival di San Biagio e nel Festival di Spoleto dei Due Mondi”, afferma – il direttore del Conservatorio Piero Caraba-, proseguendo con la presentazione dei due appuntamenti che si realizzano in collaborazione col Conservatorio. Inoltre, sottolinea ribaltando una storica citazione di Dostoevskij, “noi dobbiamo salvare la bellezza”, in quanto oggi giorno è necessario dedicarsi alla realizzazione di eventi che abbiano la finalità di preservare e promuovere la bellezza, confidando nell’entusiasmo e nell’energia dei giovani.

La direttrice artistica Anna Villani, illustra le master class che sono state attivate quest’anno ed anticipa quelli che possono essere gli sviluppi futuri, laddove si possa consolidare la collaborazione tra Comune di Nocera Umbra e Gualdo Tadino, nel creare nuove occasioni di esibizioni dei giovani talenti che prendono parte a queste master class e al Festival.

Il direttore artistico Mirko Fava ha illustrato il programma del Festival.

La tredicesima edizione del Festival di San Biagio propone sei concerti, due dei quali  realizzati con la prestigiosa e rinnovata collaborazione del Conservatorio F. Morlacchi di Perugia.  La manifestazione si snoda tra il Comune di Nocera Umbra e Gualdo Tadino, all’interno di tre prestigiose location che ben si adattano per caratteristiche acustiche e per impatto scenografico ai repertori e agli organici strumentali scelti.

La serata inaugurale di venerdì 23 agosto,  ha luogo nella Pinacoteca Comunale di San Francesco di Nocera Umbra, con il neo ensemble vocale Tritonus diretto dal M° Mauro Presazzi. I brani proposti, di grande effetto, spaziano dalle linee melodiche essenziali del periodo medioevale ai più elaborati ed imprevedibili intrecci polifonici del ‘900.  Segue sabato 24/08 nella trecentesca chiesa di San Biagio in collaborazione con il Conservatorio di Perugia un recital solistico per chitarra, con Lorenzo Di Bernardo Villa che propone brani di grande raffinatezza e complessità, propri di un programma da concorso, che gli permettono di evidenziare qualità stilistiche che abbracciano oltre allo stile classico, la musica folk e jazz. Lunedì 26/08,  presso il Monastero, sempre in collaborazione con il Conservatorio, si esibisce il Trio Rossini, formazione composta da  Marta Andreoli (flauto), Daniel Alejandro Obando Barahona (violino) e Giovanni Rossi (chitarra). Propongono oltre a celeberrime arie di Rossini, trascritte per questo particolare organico, anche composizioni di Paganini e Mario Castelnuovo-Tedesco. Martedì 27/08  la Taverna di San Benedetto, lo storico teatro di Gualdo Tadino, ospita il co-fondatore dell’ensemble Micrologus, Goffredo degli Esposti (polistrumentista a fiato),  affiancato dal percussionista Lorenzo Lolli. Propongono un singolare repertorio intitolato “Auletica Mediterranea”, un excursus di brani di accompagnamento a varie forme di danza che inizia dal medioevo con la Manfredina e la Rotta per giungere alle più recenti Tarantella e Ballo dello schiaffo, il tutto descritto con una variegata tavolozza timbrica data dai numerosi e caratteristici strumenti a fiato e a percussione utilizzati. Gli ultimi due appuntamenti si tengono al Monastero di San Biagio e sono realizzati con la collaborazione dei docenti della master class che si svolge nella medesima sede, in concomitanza al Festival e che vede protagonisti Cecilia Franchini al pianoforte, Henry Domenico Durante al violino e Christian Bertoncello al violoncello. Mercoledì 28/08, i docenti propongono una serata monografica dedicata alla figura di Debussy, con brani che descrivono l’esordio e la piena maturità stilistica del compositore, passando quindi dalle atmosfere tardo romantiche del trio in sol maggiore alle caratteristiche sonorità oniriche e arabescate dell’ultimo periodo con le Sonate per violino-pianoforte e violoncello-pianoforte. Si conclude la manifestazione giovedì 29/08, con un concerto dedicato nella prima parte alla ricercatezza della musica barocca ben esplicitata nell’opera vivaldiana, per poi immergersi nella seconda parte, nelle atmosfere più rappresentative del periodo Romantico, con le musiche di Robert Schumann.

Per prendere visione del palinsesto si rinvia alla consultazione del sito www.festivalsanbiagio.it e della pagina f.b., l’orario d’inizio dei concerti è alle 21.15 e come sempre ad ingresso gratuito. Si suggerisce la prenotazione telefonando ai seguenti numeri: 339-1087922; 333-3145405.


Condividi su:


Aggiungi un commento