Popolare Spoleto, si torna all'utile | Performance da 6.4 milioni - Tuttoggi

Popolare Spoleto, si torna all’utile | Performance da 6.4 milioni

Redazione

Popolare Spoleto, si torna all’utile | Performance da 6.4 milioni

Buoni anche i dati della capogruppo Banco Desio | BPSpoleto, torna il sereno | Dividendo a 0.0122
Gio, 25/02/2016 - 10:33

Condividi su:


Popolare Spoleto, si torna all’utile | Performance da 6.4 milioni

La Banca Popolare di Spoleto ha chiuso il 2015 con un utile netto di 6,4 milioni, a fronte dei 35 milioni di perdita del 2014. Lo riferisce una nota stampa che di seguito aggiunge anche i dati di bilancio della capogruppo Banco Desio. Al 31 dicembre 2015 il coefficiente patrimoniale (Common Equity Tier 1) e’ risultato pari al 9,5%, come il Tier 1. La banca ha ceduto crediti non performing svalutati per oltre il 95% di complessivi 109,1 milioni. Il cda ha anche proposto un dividendo di 0,0122 euro per azione, per un pay out del 29,91 per cento.

Per quanto riguarda la capogruppo invece, Banco Desio  ha chiuso il 2015 con un utile netto consolidato di 38,2 mln euro, in linea con quanto registrato nel 2014.

L’utile netto individuale della capogruppo, spiega una nota, e’ di 37,4 mln, il risultato netto della gestione operativa e’ di 32,4 mln. Il CET1 e’ al 10,8% e il TIER1 all’11%. Sono stati ceduti crediti Non performing per 109,1 mln. Il Cda proporra’ una cedola di 0,0846 euro per ciascuna azione ordinaria e di 0,1016 euro per ciascuna azione di risparmio

Di seguito  uno schema riassuntivo dei due bilanci declinato per voci principali:

RITORNO ALL’UTILE Euro 6,4 milioni di Utile netto, nonostante il versamento di complessivi Euro 3,5 milioni netti a Fondo di Risoluzione (SRM-Single Resolution Mechanism), Sistema diGaranzia dei Depositi (DGS-Deposit Guarantee Scheme) e Fondo di Solidarietà (decreto c.d. “Salva banche”)

L’esercizio 2014 (5 mesi) chiudeva con la Perdita netta di Euro 35 milioni

CEDUTI   CREDITI   “NON   PERFORMING”   SVALUTATI   PER   OLTRE   IL   95%   di

complessivi Euro 109,1 milioni

UTILE NETTO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 8,8 milioni (ex Perdita netta della gestione operativa Euro 33,5 milioni) dopo rettifiche su crediti di Euro 54,6 milioni (ex Euro 60,9 milioni) ed evidenziando elevati livelli di coverage sui crediti deteriorati, nonostante l’operazione di cessione di crediti “non performing”, e del coverage sui crediti in bonis:

Coverage ratio sofferenze al 61,7% (ex 68,1%)

Coverage ratio totale crediti deteriorati al 48,1% (ex 54,7%)

Coverage ratio crediti in bonis allo 0,78% (ex 0,82%)

RAFFORZAMENTO PATRIMONIALE CON INCREMENTO DEI COEFFICIENTI DI CAPITALE  SUPERIORI AI  REQUISITI MINIMI DI  VIGILANZA

Patrimonio netto Euro 256,3 milioni (ex Euro 173,2 milioni) Fondi Propri Euro 248,5 milioni (1) (ex Euro 178,2 milioni) Coefficienti di capitale

Banca Popolare di Spoleto/ Gruppo Banco Desio
CET 1
9,5% (ex 8,0% )
10,8% (ex 10,3% )
TIER 1
9,5% (ex 8,0% )
11,0% (ex 10,5% )
TOTAL CAPITAL RATIO
9,8% (ex 8,9% )
13,9% (ex 12,3% )

RACCOLTA COMPLESSIVA DA CLIENTELA ORDINARIA   Euro 5,2 miliardi (ex Euro 3,4 miliardi) (+53,7%), di cui RACCOLTA DIRETTA Euro 3,4 miliardi (ex Euro 2,6 miliardi) (+31,4%), con un rapporto Impieghi da clientela ordinaria/Raccolta diretta al 98,8% (ex 91,3%), e RACCOLTA INDIRETTA Euro 1,9 miliardi (ex Euro 1 miliardi) (+121%)

IMPIEGHI  ALLA  CLIENTELA  ORDINARIA   Euro  3,3  miliardi  (ex  Euro  2,3  miliardi) (+42,2%) Rapporto “sofferenze nette / impieghi netti” pari al 5,42% (ex 6,89%)

DIVIDENDO PROPOSTO Euro 0,0122 (2) per ciascuna azione ordinaria PAY OUT 29,91% (2)

Sintesi dati Banco Desio

Il consiglio di amministrazione della capogruppo “Banco di Desio e della Brianza s.p.a.” ha approvato il bilancio consolidato e il progetto di bilancio individuale al 31 dicembre 2015.

In considerazione del fatto che la controllata Banca Popolare di Spoleto S.p.A. è entrata nel perimetro di consolidamento a far data dal 1° agosto 2014, i valori di conto economico riclassificato consolidato al 31 dicembre 2015 non risultano comparabili su base omogenea con quelli dell’esercizio precedente essendo questi ultimi caratterizzati dal contributo da parte della controllata per soli cinque mesi.

PROPOSTA DI DIVIDENDI CASH IN AUMENTO A EURO 11,2 MILIONI

UTILE NETTO INDIVIDUALE DELLA CAPOGRUPPO IN CRESCITA (EURO 37,4 MILIONI)

UTILE NETTO CONSOLIDATO SOSTANZIALMENTE STABILE (EURO 38,2 MILIONI)

NONOSTANTE I CONTRIBUTI A FONDO DI RISOLUZIONE, SISTEMA DI GARANZIA DEI DEPOSITI E FONDO DI SOLIDARIETA’ (EURO 8,6 MILIONI, AL NETTO DELL’EFFETTO FISCALE)

RISULTATO NETTO DELLA GESTIONE OPERATIVA IN INCREMENTO (EURO 32,4 MILIONI)

ULTERIORE RAFFORZAMENTO PATRIMONIALE E AMPLIAMENTO AL 3,8% DELLO SREP BUFFER SUL CET1 (10,8%) TRA I PIU’ ELEVATI DEL SISTEMA E TIER1 all’11%

CEDUTI CREDITI “NON PERFORMING” PER EURO 109,1 MILIONI, ELEVATI E STABILI LIVELLI DI “COVERAGE” SUI DETERIORATI (52,2%(3) AL LORDO DELLE CANCELLAZIONI)


Condividi su:


Aggiungi un commento