Pop Spoleto, Banca Mps sbugiarda board Scs - Tuttoggi

Pop Spoleto, Banca Mps sbugiarda board Scs

Redazione

Pop Spoleto, Banca Mps sbugiarda board Scs

Gio, 31/01/2013 - 17:06

Condividi su:


Carlo Ceraso

Nel primo giorno di calma apparente a piazza Pianciani piomba sul tavolo della redazione di Tuttoggi una nota di Mps che sbugiarda il board di Scs, holding che controlla la BPop Spoleto. La vicenda è quella ormai nota della rottura dei patti parasociali con il conseguente pagamento da parte della coperativa alla banca sense delle quote che quest'ultima detiene nell'Istituto di credito spoletino. I sei mesi di tempo per trovare il partner successore alla banca di Profumo, sono scaduti domenica scorsa ( 27 gennaio ndr.) con la società presieduta da Giovannino Antonini che non è riuscita a trovare ancora un acquirente del pacchetto Mps. Ma il dominus con tutto il board si era affrettato lunedì scorso (28 gennaio ndr.) a comunicare che Mps aveva concesso una ulteriore “termine” di 15 giorni. Una balla, almeno a leggere la nota diramata poco fa che sbugiarda il Cda di Piazza Pianciani ( clicca qui).

Leggiamo la nota: Siena, 31 gennaio 2013 – Banca Monte dei Paschi di Siena, con riferimento al comunicato stampa diffuso da Spoleto Credito e Servizi Soc. Coop. il 28 gennaio 2013, nel quale è scritto che Banca MPS avrebbe “concesso termine a SCS sino all’11 febbraio 2013 per il trasferimento delle partecipazioni detenute da BMPS in Banca Popolare di Spoleto e in SCS”, precisa che il 9 gennaio 2013 ha inviato a SCS formale diffida ad adempiere agli obblighi derivanti a carico di SCS medesima dall’avvenuta disdetta dell’accordo parasociale relativo a Banca Popolare di Spoleto in data 26 luglio 2012, come a suo tempo comunicato al mercato. Conseguentemente, l’11 febbraio 2013 scadrà il termine di legge di 15 giorni, assegnato a SCS per adempiere, verificandosi in difetto le conseguenze di legge.

Il documento di Profumo annichilisce dunque le speranze che qualcuno a Spoleto riponeva in un probabile ulteriore rinvio dei termini (fonti autorevoli della Banca spoletina si dicevano ottimisti sull'ottenimento altri due mesi di tempo). A questo punto ad Antonini rimangono solo 10 giorni, festivi e prefestivi inclusi, per trovare un partner dopodichè non rimarrà che prendere in considerazione l'unica offerta arrivata anche sul tavolo di Bankit, quella della Clitumnus, neo-società guidata dal giurista Carbonetti.

Riproduzione riservata

Articoli correlati:

POP SPOLETO, TITOLO SALE ANCORA – CLITUMNUS: MONINI ”STO VALUTANDO” – CARITERNI “NESSUNA DETERMINAZIONE” – AGGIORNAMENTI

BPOP SPOLETO, ANTONINI “NON È IN VENDITA” – CLITUMNUS LANCIA OPA: È LA CORDATA UMBRO-ROMANA

AGGIORNAMENTO: TITOLO SOSPESO PER RIALZO – POPSPOLETO, BRANDANI “MISSIONE IMPOSSIBILE” – MPS, “GIALLO” SU PROROGA PATTI PARASOCIALI – UGL DIFENDE ANTONINI

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!