Peste suina africana, l'ordinanza dei Ministeri | Limiti alla caccia, embarghi all'export

Peste suina africana, l’ordinanza dei Ministeri | Limiti alla caccia, embarghi all’export

Massimo Sbardella

Peste suina africana, l’ordinanza dei Ministeri | Limiti alla caccia, embarghi all’export

Ven, 14/01/2022 - 09:24

Condividi su:


Nei Comuni della zona infetta vietata l'attività venatoria ad eccezione della selezionale ai cinghiali | Niente funghi e pesca

I ministri Speranza (Sanità) e Patuanelli (Politiche agricole e forestali) hanno firmato l’ordinanza dopo i casi di virus in carcasse di cinghiale prelevate in Piemonte e Liguria. Una decina in tutto, sembra, i casi accertati dall’Istituto zooprofilattico Umbria – Marche, referente nazionale per la peste suina africana. Virus che non si trasmette all’uomo, ma la cui diffusione provoca ingenti danni economici.

Embarghi all’export

Secondo uanto denunciato da Confagricoltura, alcuni Paesi extra Ue (come la Svizzera in Europa) e in Assia (Cina, Giappone e Taiwan) hanno temporaneamente sospeso l’importazione dall’Italia di carni e salumi. Un danno consistente per un settore che, stima la Cia, in Italia vale 1,7 miliardi di euro.

Le analisi sui cinghiali

Il virus trovato nei cinghiali prelevati in Piemonte e Liguria – secondo quanto informa il Ministerp – è diverso dal ceppo, ormai endemico, presente da anni in Sardegna. Si tratterebbe invece del virus che circola da anni nell’Est e nel Nord Europa.

L’ordinanza

L’ordinanza firmata dai ministri Patuanelli e Speranza consente, rispetto ai protocolli Ue, di proseguire il lavoro delle attività produttive del settore.

La zona infetta

La zona infetta è stata individuata in 114 comuni, di cui 78 in Piemonte e 36 in Liguria.

La caccia

In questi comuni c’è il divieto (già previsto in molti casi dalle ordinanze emanate dai sindaci)di ogni attività venatoria. E’ consentita la caccia selettiva al cinghiale, come azione per ridurre la presenza di ungulati e quindi la possibilità di diffusione del virus.

La Regione Emilia Romagna ha poi emanato un provvedimento che vieta alcune forme di caccia al cinghiale nelle province di Parma e Piacenza, più vicine alla zona infetta e quindi potenzialmente interessate dalla presenza di animali selvatici contagiati.

Peste suina africana,
il Ministero chiede aiuto ai cacciatori

Gli altri divieti

Nella sola zona infettata, inoltre, sempre per il periodo di 6 mesi, l’ordinanza interministeriale vieta anche la raccolta di funghi, la pesca, e altre attività all’aria aperta nelle zone di campagna e nei boschi, come trekking ed escursioni in mountain bike.

Provvedimenti che ovviamente si estenderanno automaticamente ad altre aree qualora venga ampliata la zona infetta in caso di ritrovamento di altri animali contagiati dalla peste suina africana.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!