Pesca abusiva al Trasimeno al tempo del Coronavirus: 4mila euro di multa

Pesca abusiva al Trasimeno al tempo del Coronavirus: 4mila euro di multa

Redazione

Pesca abusiva al Trasimeno al tempo del Coronavirus: 4mila euro di multa

I due fermati a Tuoro dai carabinieri forestali | Le carpe, vive, rigettate nel lago
Mer, 08/04/2020 - 16:56

Condividi su:


Pesca abusiva al Trasimeno al tempo del Coronavirus: 4mila euro di multa

Pesca abusiva al Trasimeno nei giorni del Coronavirus, pesante multa per due bracconieri.

I militari della Stazione carabinieri forestali di Passignano sul Trasimeno hanno elevato una sanzione amministrativa per un importo di 4mila euro a carico di 2 persone intente ad effettuare una  battuta di pesca sul lago.

I due non avevano la licenza di tipo professionale e sono stati sorpresi, sulle rive del lago Trasimeno in  frazione Borghetto del comune di Tuoro sul Trasimeno, al rientro da una battuta di pesca di frodo.

All’arrivo dei militari i due soggetti erano intenti a trasbordare dalla barca a motore il pesce catturato rappresentato da 20  esemplari della specie carpa comune (cyprinus carpio) del peso complessivo di kg 150 circa. Detenevano inoltre 11 reti da pesca professionale lunghe 20 metri e alte 3.

Gli esemplari illegalmente catturati, ancora vivi, venivano immediatamente reimmessi in acqua.

Alle due persone veniva effettuato il sequestro amministrativo ai fini di confisca  delle reti e dell’imbarcazione lunga 5,5 metri dotata di motore.


Condividi su: