Perugia, guerra totale allo spaccio / Fontivegge al setaccio - Tuttoggi

Perugia, guerra totale allo spaccio / Fontivegge al setaccio

Redazione

Perugia, guerra totale allo spaccio / Fontivegge al setaccio

Spacciatori presi con l'eroina in mano / Evasi riacciuffati / Controlli in centro storico
Ven, 06/03/2015 - 11:56

Condividi su:


Fontivegge, una delle zone “peggiori” di Perugia finisce nel setaccio dei carabinieri. Piovono denunce e arresti. Controlli anche in centro storico.

Venditori di morte – Due cittadini tunisini irregolari, rispettivamente di 44 e 35 anni, senza fissa dimora, nullafacenti, con una fedina penale particolarmente nutrita di precedenti, sono stati arrestati con l’accusa di detenzione e traffico illecito di sostanze stupefacenti in concorso.
Durante un servizio straordinario di controllo del territorio attuato nel quartiere di Fontivegge, i due sono sorpresi all’interno di un’area verde intenti a confezionare le dosi di stupefacente. Immediato l’intervento dei carabinieri del Radiomobile che, entrati in azione, hanno bloccato i due “venditori di morte” che ancora tenevano in mano gli involucri di droga. La perquisizione ha consentito di recuperare un cospicuo bottino: sei involucri termosaldati contenenti 10 grammi di eroina; otto stecche già confezionate contenenti 25 grammi di hashish; un taglierino utilizzato per suddividere le dosi di hashish; tre telefoni cellulari e la somma di 200,00 euro quale provento dell’attività di spaccio. Tutto sequestrato ai fini probatori. Al termine delle formalità di rito, dopo aver anche registrato a loro carico una denuncia per il porto abusivo di strumenti atti ad offendere in relazione al possesso del taglierino, i due sono stati spediti in carcere.

La grande fuga – Un algerino di 27 anni, domiciliato a Perugia, nullafacente, regolare, già detenuto agli arresti domiciliari per reati in materia di droga, è stato arrestato poiché destinatario di un provvedimento di custodia cautelare in carcere per le continue evasioni.

Raffica di denunce – Un cittadino marocchino, classe 1985, nullafacente, regolare, tossicodipendente, è stato denunciato con l’accusa di evasione dai domiciliari. Una 18enne, senza fissa dimora, nota alle forze dell’ordine ed alle cronache giudiziarie, è stata denunciata per il possesso ingiustificato di grimaldelli.  Controllata in centro storico è stata trovata in possesso di una chiave inglese e di un paio di forbici. Tutto il materiale da scasso è stato sequestrato.

Locali esaminati – In aggiunta sono stati eseguiti insieme al colleghi dell’Ispettorato del Lavoro e del Nas, dei controlli a tappeto nei locali e nelle attività commerciali del centro storico. Dopo i 4 blitz sono scattate multe per 7000 euro. Motivo: lavoro irregolare e carenze igienico sanitarie, strutturali e gestionali.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!