Perugia 1416, Teresa Severini riconfermata presidente dell'associazione

Perugia 1416, Teresa Severini riconfermata presidente dell’associazione

Redazione

Perugia 1416, Teresa Severini riconfermata presidente dell’associazione

Dom, 14/11/2021 - 09:10

Condividi su:


Rinnovate le cariche del Consiglio direttivo fino al 2024: “Si apre una pagina nuova, una spinta nel segno della continuità”

Teresa Severini riconfermata all’unanimità presidente di Perugia 1416. Sarà ancora lei a guidare per il prossimo triennio l’Associazione APS Passaggio tra Medio e Rinascimento; riconfermato anche Riccardo Bachiorri alla vice-presidenza, mentre Cristina Mascetti è il nuovo Segretario: queste le nomine alla prima seduta del nuovo Consiglio.

Il nuovo direttivo

Il primo direttivo – che ha dato vita all’associazione nel 2016 – aveva una durata di cinque anni, poi prorogati per garantire l’edizione scorsa, e si è concluso il 30 settembre. A partire da quest’anno, i mandati saranno invece di tre anni. Le elezioni, tenutesi in occasione della Assemblea elettiva, si sono aperte con i saluti dell’amministrazione comunale di Perugia, portati dagli assessori Edi Cicchi e Leonardo Varasano.  Sono stati sanciti i sette componenti, ai quali si sono aggiunti i cinque nominati dai Rioni per raggiungere il numero di dodici Consiglieri, come da Statuto della APS Perugia1416. Accanto alle rappresentanze delle due istituzioni, l’Università degli studi di Perugia – prof. Ferdinando Treggiari – e l’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” – prof. Stefano Mosena -, e Mauro Belia per gli operatori economici ed artigiani del centro storico, sono entrate a far parte del Direttivo anche Roberta Ricci ed Erika Borghesi che, insieme a Cristina Mascetti, del Magnifico Rione di Porta Santa Susanna, hanno così alzato le “quote rosa”.

“Una nuova pagina all’insegna della continuità”

 “Si apre una pagina nuova, una spinta nel segno importante della continuità – ha commentato soddisfatta ed emozionata Teresa Severinima con l’obiettivo di allargare la base e coinvolgere sempre più rionali, di ogni età. La trasversalità della Associazione ormai acclarata, la serietà ampiamente dimostrata che ci muove e l’entusiasmo dei candidati mi fanno guardare al futuro con la certezza di crescita. Insieme, ce l’abbiamo fatta a superare questi due terribili anni, e insieme lavoreremo per una nuova edizione a dir poco entusiasmante. Ringrazio il primo Direttivo, e i Consiglieri che si sono avvicendati nel tempo per ragioni diverse, e sono certa che questo nuovo saprà raccoglierne l’eredità allargando la sfera d’azione già da subito: ci aspetta una settima edizione che ci auguriamo in presenza, ma senza abbandonare le produzioni del #medievalWeb delle quali siamo ormai fedeli sostenitori”.

Verso la rievocazione di giugno 2022

Il nuovo Direttivo è già al lavoro per assegnare l’incarico al direttore artistico della rievocazione e le deleghe per il coordinamento, oltre che per il nuovo ciclo di conferenze e il concorso del Palio d’artista organizzato dall’Accademia di Belle Arti di Perugia. “Tra le diverse iniziative che nel programma avranno varie scadenze, oltre le date del 10-11-12 giugno già annunciate – anticipa la presidente – c’è in serbo la terza docu-fiction, sequel delle precedenti, a chiudere la trilogia Braccio 3.0. Così come il concorso dei corti tra i Rioni per il ‘premio Marco Rufini’, la cui realizzazione ha creato sempre tanto entusiasmo tra i rionali, coinvolti tra ricerca storica, ideazione della scenografia e recitazione. E il ritorno ai giochi, sfide che tutti ci auguriamo si possano disputare in presenza; stiamo mettendo insieme tante bellissime idee, in coordinamento anche con gli operatori turistici e del centro storico. E con le scuole”.

In arrivo la sede definitiva

L’associazione, che è cresciuta nel tempo (da senza scopo di lucro a riconosciuta, e ora di promozione sociale) avrà presto la sua sede definitiva. “Ci approntiamo a terminare i lavori dei locali, diventerà la casa dei cinque Magnifici Rioni, un luogo dove potersi riunire ed organizzare incontri ed iniziative, che ci farà sentire ancora più uniti”, ha concluso Teresa Severini.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!