Palazzetto dello Sport, Melasecche tira dritto “Va fatto al Foro Boario”

Palazzetto dello Sport, Melasecche tira dritto “Va fatto al Foro Boario”

Risposta all’interrogazione del M5S

share

 Il Foro Boario è stato oggetto di un’interrogazione presentata nel question time di questa mattina dal gruppo consiliare M5s. La consigliera Patrizia Braghiroli ha illustrato l’atto incentrato sul degrado dell’area e ha chiesto come l’amministrazione intenda procedere per il bando in essere per la realizzazione del palazzetto in quella zona. Inoltre, se risponda al vero l’intenzione di costruire il Palazzetto nella zona di Maratta e in quali tempi. Infine, qualora si propenda per quest’ultima soluzione, si chiede come si intende procedere per valorizzare la zona dell’ex Foro Boario che versa in condizioni di totale abbandono.

Alla interrogazione ha risposto Enrico Melasecche: “Al Foro Boario c’è di tutto, prostituzione, fuochi non autorizzati, rottamatori abusivi, l’abbandono incontrollato di rifiuti. Se la Asl andasse a fare dei controlli chiuderebbe l’area. Concordo sullo stato di degrado, l’unico giudizio unanime nella città è lo stato di degrado di quella zona. Abbiamo lavorato insieme ad Asm per il trasferimento del centro raccolta rifiuti, abbiamo già assegnato un’area alternativa al di là della ferrovia.  Per un centro raccolta moderno, adeguato. In giunta all’unanimità abbiamo deciso di rivedere quella delibera che prevedeva il prosieguo fino al 2020 della permanenza delle attivita di ortofrutta. Le strutture attuali che non sono igeniche, il mercato dell’ortofrutta poi è completamente cambiato, non c’è ragione che i cittadini di Terni si facciano carico di realizzare un nuovo mercato ortofrutticolo, ormai gli operatori vanno direttamente ai mercati di Roma. Dobbiamo consentire che quell’area si trasformi nel sogno nel cassetto di tutti i ternani, 7 ettari riqualificati, un grande area sportiva, a disposizione dei tifosi e di migliaia di turisti sportivi che verranno a Terni per manifestazione nazionali.  A Maratta non c’è nulla, c’è solo una polveriera demaniale, non ci sono urbanizzazioni, oggi per ipotizzare il palasport a Maratta ci vorrebbero 10 anni. In giunta si è trovata una sintesi, tra pochi giorni sarà possibile formalizzare alcuni passaggi che auspico da tempo”.

share

Commenti

Stampa