Ospedale Orvieto, sindaco in Regione "Criticità in quasi tutti i reparti"

Ospedale Orvieto, sindaco Tardani in Regione “Criticità in quasi tutti i reparti”

Redazione

Ospedale Orvieto, sindaco Tardani in Regione “Criticità in quasi tutti i reparti”

Gio, 29/04/2021 - 16:50

Condividi su:


Ospedale Orvieto, sindaco Tardani in Regione “Criticità in quasi tutti i reparti”

L'allarme della Tardani, ascoltata in commissione regionale: "L’ospedale di Orvieto non riesce a rispondere alle esigenze dei cittadini del comprensorio"

Mettere l’ospedale di Orvieto in condizioni di funzionare bene, puntando su alcune specificità. La richiesta arriva dal sindaco Roberta Tardani, ascoltata in Terza commissione consiliare regionale.

L’organismo regionale presieduto da Eleonora Pace, infatti, ha ascoltato il primo cittadino orvietano in merito alla situazione della sanità e della struttura ospedaliera nel territorio del Comune di Orvieto ai fini della definizione del nuovo Piano Sanitario regionale.

Ospedale di Orvieto sconta depotenziamento

Il sindaco di Orvieto ha ricordato che l’ospedale della città sconta il depotenziamento di risorse umane e tecnologiche in atto da tempo e ha detto che si registra una “grave criticità in quasi tutti i reparti. L’ospedale non riesce a rispondere alle esigenze dei cittadini del comprensorio, senza contare che si tratta di una struttura che avrebbe un bacino potenziale di oltre 120mila abitanti, comprendendo i tanti non umbri che lo scelgono per la sua vicinanza a Lazio e Toscana. È soprattutto l’emergenza-urgenza che risente del momento negativo, in questo momento non risponde ai criteri ministeriali fissati. Serve dunque più personale e servono più attrezzature, ma soprattutto una connotazione ben definita. Abbiamo sollecitato attenzione al progetto emodinamica. Necessario anche il potenziamento della medicina del territorio per sollevare l’ospedale da ricoveri impropri che appesantiscono la gestione quotidiana”.

La presidente Pace ha detto che occorre “dare finalmente una connotazione
definita all’ospedale di Orvieto per valorizzarne le potenzialità, che non
attengono solo all’utenza umbra, e sanare quelle che sono criticità
ataviche. Ci stiamo muovendo in questa direzione, anche se la nuova ondata
covid ha messo i lavori in stand by”
.

(modificato alle 22.40)

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!