Orvieto, domenica al PalaPapini il Giocagin

Orvieto, domenica al PalaPapini il Giocagin

Torna la storica manifestazione nazionale Giocagin nata nel 1987 per iniziativa della Uisp, che da molti anni ormai unisce tutti gli appassionati di ginnastica, danza, arti marziali e spettacolo

share

Sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, del ministero per le Pari Opportunità e del Ministero della Pubblica Istruzione e con il patrocinio del Comune di Orvieto – Assessorato allo Sport, torna la storica manifestazione nazionale Giocagin nata nel 1987 per iniziativa della Uisp, che da molti anni ormai unisce tutti gli appassionati di ginnastica, danza, arti marziali e spettacolo, coniugando divertimento, sport e sensibilizzazione sociale e ambientale.

La manifestazione nazionale si svolge in oltre 60 città italiane che partecipano all’evento unite dal motto “Il divertimento in movimento”. Ad Orvieto l’appuntamento è per Domenica 11 Marzo 2018, al PalaPapini (Palazzetto dello Sport) di Ciconia Orvieto alle ore 16,30, quando con una grande festa di sport che coinvolge molte realtà associative sportive, culturali e ricreative della città e del territorio, espressione delle varie attività di sportpertutti che vengono praticate in palestra, da persone di tutte le età come: “Centro Fitness AGORA’” al “New Wave”, “Dinamic Line”, “Compagnia Mastro Titta”, Scuola di Circo “Cirko Andando”, “Scarpette Rosse”, “Kanseikan Orvieto” e “West Umbria Country Dance”.

Giocagin è una manifestazione speciale, pensata per i bambini ma amata dagli sportivi di tutta Italia e di tutte le età e, come nella sua migliore tradizione si veste di solidarietà.

Anche quest’anno, infatti, al centro della festa UISP, si rinnova l’attenzione per i ai bambini siriani che si trovano in Libano in fuga dalla guerra. A pochi chilometri dal confine siriano, sorge Arsal che ospita all’incirca 60.000 rifugiati siriani. Nei campi informali, costituiti da tende e strutture improvvisate, i rifugiati siriani vivono in condizioni precarie dovute alla mancanza di vestiti, medicinali, acqua potabile. La militarizzazione e le misure di sicurezza imposte dalle autorità libanesi hanno limitato la libertà di movimento dei rifugiati, spesso non in possesso di documenti legali, impendendo loro di avere un lavoro; ma ha anche esposto i rifugiati a continui controlli, raid militari e arresti arbitrari. La presenza stabile di Terre des Hommes Italia ad Arsal fin dal 2013, è stata fondamentale. Dopo l’intervento del 2017 a Macharia al Qaa, che ha permesso l’acquisto di un primo Ludobus attualmente operativo con operatori da noi formati, Giocagin 2018 continuerà a contribuire alla risposta umanitaria attraverso l’acquisto di un nuovo Ludobus, che permetterà a Terre des Hommes di raggiungere anche i bambini delle aree più remote garantendo loro il diritto al gioco e all’infanzia.

share

Commenti

Stampa