Nodino, "Per l'Umbria": basta giocare a rimpiattino

Nodino, “Per l’Umbria”: basta giocare a rimpiattino

Redazione

Nodino, “Per l’Umbria”: basta giocare a rimpiattino

Mer, 10/11/2021 - 11:26

Condividi su:


L'associazione presieduta da Ruspolini si schiera a favore dell'opera e attacca la Commissione regionale che fa ancora melina

“Basta giocare a rimpiattino” sul Nodino. Questo l’appello che l’associazione “Per l’Umbria”, attraverso il presidente Adriano Ruspolini e i responsabili di Perugia, Claudia Luciani vice presidente e Gianluca Drusian, mandano al Consiglio regionale. Soprattutto alla luce delle situazioni cje quotidianamente mandano in tilt il traffico a Perugia e nelle zone limitrofe.

Per l’associazioni di Ruspolini occorre andare avanti con il Nodino, e in modo celere. Per questo “Per l’Umbria” saluta con soddisfazione la nascita del movimento “Comitato per Nodo o Nodino di Perugia”: “Finalmente , vediamo nascere un soggetto propositivo e non l’ennesimo movimento che si oppone a qualcosa!”.

“Per l’Umbria” lamenta il fatto che da anni le amministrazioni comunali di Perugia e Torgiano e la Regione Umbria si oppongono “con motivazioni fantasiose” al progetto dell’Anas che dovrebbe alleggerire la pressione  del traffico.

“Anche io ho un lotto a Collestrada”:
l’iniziativa del Comitato anti Nodo

Il documento della Commissione regionale

“Per l’Umbria” denuncia soprattutto l’atteggiamento della politica regionale. Come nel caso di quanto avvenuto giorni fa in seconda Commissione, dove è andato in onda l’ennesimo “atto perditempo”, con l’atto di impegno per la Giunta finalizzato, secondo l’associazione, soltanto a prendere tempo.

“Il documento partorito dalla Commissione – attacca ‘Per l’Umbria’ – è una vera e propria offesa all’intelligenza dei cittadini e degli utenti. Si parla nuovamente di tornare a valutare fantomatiche soluzioni (che nessuno conosce), di tornare a valutare i costi sociali per i due comuni interessati (Perugia e Torgiano), di assumere un fattivo coordinamento della gestione ambientale, di realizzare una ‘carta d’intenti’ ispirata ad un vero principio di sussidiarietà  orizzontale, di raccogliere i dati  del confronto pubblico e successivamente presentarli come ‘dossier’ alla II Commissione consiliare  e di riferire alla conferenza dei servizi”. 

Insomma, un documento in “politichese puro” con cui, dopo anni di studi e confronti, la Commissione intende ricominciare da capo.

“Guardare al futuro”

“Occorre guardare al futuro – è la posizione di ‘Per l’Umbria’ – e cercare di stare al passo con i tempi che la società impone e non fermarsi a tutelare gli interessi (ancorché legittimi, e  ci mancherebbe) di qualcuno. In questo momento, la nostra Regione ha estremo bisogno di porre la massima attenzione ai problemi legati alla mobilità, per troppi anni messa  nel dimenticatoio dalle precedenti amministrazioni”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!