Al Museo Diocesano la mostra di Luigi Frappi

Al Museo Diocesano la mostra di Luigi Frappi | La famiglia dona ritratto di monsignor Faloci Pulignani

Alessandro Orfei

Al Museo Diocesano la mostra di Luigi Frappi | La famiglia dona ritratto di monsignor Faloci Pulignani

Venerdì 9 settembre alle ore 17.30 (ingresso libero) la sala conferenze del Museo Capitolare Diocesano di Foligno ospiterà la presentazione del catalogo della mostra ”Ritratti simultanei e paesaggi” di Luigi Frappi. Oltre all’Autore, saranno presenti l’architetto Paolo Portoghesi e il critico d’arte Italo Tomassoni. La mostra, che il Museo Capitolare Diocesano ha ospitato durante la primavera e l’estate, è caratterizzata, oltre che dai paesaggi – ”idillici e drammatici” -, dalla relazione ironica e dal dialogo mai scontato tra opere del Rinascimento e del Seicento con altre del mondo contemporaneo, in quelli che Luigi Frappi ha definito ”ritratti simultanei”.

Il dono della famiglia

In occasione della conferenza, la famiglia Frappi donerà al Museo un ritratto di monsignor Michele Faloci Pulignani eseguito a olio su tela da Carlo Frappi attorno al 1940.

La mostra

La mostra è visitabile nel Museo Capitolare Diocesano di Foligno, ospitata dalle suggestive sale del Palazzo delle Canoniche, fino al prossimo 18 settembre (dal martedì alla domenica, ore 10-13 e 16-19).

La biografia di Frappi

Luigi Frappi (Foligno 1939), figlio del pittore Carlo, si diploma all’Istituto d’Arte ”Bernardino di Betto” di Perugia dove poi insegna decorazione pittorica e mosaico; successivamente si avvicina all’ipermanierismo e alla nuova maniera. Accademico di merito dell’Accademia di Belle Arti ”Pietro Vannucci” di Perugia, vive e lavora a Bevagna.

La carriera di Portoghesi

Paolo Portoghesi (Roma 1931), architetto, accademico e teorico dell’architettura, muove i primi passi nello studio del barocco romano, in seguito aderisce dapprima al movimento postmoderno e infine alla geoarchitettura, un’architettura umanistica rispettosa della natura e della storia del luogo ma attenta all’innovazione.

La storia di Tomassoni

Italo Tomassoni (Ancona 1938), critico d’arte, saggista, curatore e direttore di museo, a coronamento di una carriera ultracinquantennale contribuisce a fondare il CIAC – Centro Italiano di Arte Contemporanea di Foligno, di cui è direttore artistico e dove, a partire dall’inaugurazione nel 2009, cura numerose mostre di artisti italiani e internazionali e allestisce l’esposizione permanente della Calamita Cosmica di Gino de Dominicis.lasquilla@smariamaggiore.com

L'associazione culturale TuttOggi è stata premiata con un importo di 25.000 euro dal Fondo a Supporto del Giornalismo Europeo - COVID-19, durante la crisi pandemica, a sostegno della realizzazione del progetto TO_3COMM

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!