Monossido di carbonio, donna salvata a Magione

Monossido di carbonio, donna salvata a Magione

L’arrivo del figlio e il pronto intervento di vigili del fuoco e sanitari hanno scongiurato il peggio

share

È stato l’arrivo del figlio e il pronto intervento dei vigili del fuoco a salvare la vita ad una signora di Vallupina, frazione di Magione, che per riscaldarsi aveva acceso in casa tre bracieri.

Il figlio nel tardo pomeriggio di ieri, 28 febbraio, era passato a trovare la madre. La signora però non rispondeva e il cattivo odore proveniente dalla casa ha messo in allarme l’uomo che ha chiesto aiuto.

L’intervento dei caschi rossi, insieme al personale del 112 e del 118 è avvenuto intorno alle 19 ed è stato fondamentale.

Gli uomini del comando di Perugia hanno provvveduto ad aprire la porta e trarre in salvo la signora, che dopo un primo soccorso con la somministrazione di ossigeno, è stata affidata almeno cure dei sanitari prima di essere trasportata in ospedale.

Durante le successive operazioni di bonifica degli ambienti  le rilevazioni fatte con apposito strumento, i Vigili hanno potuto verificare l’effettiva presenza di monossido di carbonio prodotto dai tre bracieri accesi.

share

Commenti

Stampa