Medaglia d’onore di Zampini al Comune, il nipote "Nonno avrebbe voluto così" - Tuttoggi

Medaglia d’onore di Zampini al Comune, il nipote “Nonno avrebbe voluto così”

Redazione

Medaglia d’onore di Zampini al Comune, il nipote “Nonno avrebbe voluto così”

Cerimonia di consegna avvenuta nella Sala del Consiglio alla presenza di molte autorità, l’immagine dell’eroe tifernate proiettata sulla torre civica
Dom, 26/11/2017 - 11:08

Condividi su:


Medaglia d’onore di Zampini al Comune, il nipote “Nonno avrebbe voluto così”

Sarà il comune di Città di Castello a custodire la medaglia d’onore interforze di cui, a 100 anni dalla sua eroica morte, è stato insignito il sergente tifernate Angelo Zampini.

So che mio nonno avrebbe voluto così” ha detto l’erede di Zampini, Gabrio Palazzoli, consegnando l’onorificenza nelle mani del sindaco Luciano Bacchetta durante la partecipata commemorazione svoltasi ieri (sabato 25 novembre) nella Sala del Consiglio comunale.

Siamo onorati di ricevere la medaglia, che sarà affidata al sindaco fino a quando non le troveremo una sistemazione adatta e definitiva. Ringraziamo Gabrio Palazzoli per questo atto di generosità, degno di suo nonno, che ormai appartiene alla memoria collettiva di due comunità, quella dove nacque, Città di Castello, e quella dove morì, Majano” ha detto il sindaco Luciano Bacchetta, ribadendo “l’intenzione di sviluppare i rapporti di interesse con il Comune friulano con cui la città tifernate ha stretto il primo gemellaggio della sua storia amministrativa”.

In onore di Angelo Zampini la torre civica ha proiettato, in concomitanza con la commemorazione, l’immagine del sergente mentre all’interno del Comune è stato presentato il libro, che ne racconta e aggiorna la storia, “Io resto”, scritto da Claudio Zanier e Paolo Strazzolini, in collaborazione con Alvaro Tacchini.

Oggi (domenica 26 novembre), le manifestazioni si sposteranno a Lerchi, comunità originaria del sergente tifernate, che ha sempre tenuto alta l’attenzione sul gesto eroico, ingiustamente dimenticato. In via dell’Eroe, dove si trova la casa natale di Zampini ci sarà l’intervento della Filarmonica G. Puccini e, dopo la celebrazione religiosa, la deposizione della corona.

Oltre al sindaco di Majano Raffaella Paladin, era presente l’Esercito con il generale Giuseppenicola Tota, caporeparto dello Stato maggiore dell’Esercito, e il colonnello Maurizio Napoletano, comandate militare dell’Esercito “Umbria”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!