La lunga rincorsa è finita: Bori segretario Pd umbro | Le altre cariche

La lunga rincorsa è finita: Bori segretario Pd umbro | Le altre cariche

Redazione

La lunga rincorsa è finita: Bori segretario Pd umbro | Le altre cariche

Dom, 13/06/2021 - 20:25

Condividi su:


Le altre cariche: Cristina Papa presidente, Donatella Casciarri e Daniele Longaroni vice, tesoriere Enzo Santucci | Bori prova a ricompattare

La rincorsa, durata oltre misura tra la melina degli avversari e l’emergenza Covid, è arrivata alla fine. Tommaso Bori è ufficialmente il segretario del Pd dell’Umbria. Era l’aprile 2019 quando l’allora numero del Pd nazionale Zingaretti, nominò Walter Verini commissario di un partito umbro che aveva visto il suo segretario regionale, Gianpiero Bocci, agli arresti domiciliari per l’inchiesta sulla Sanitopoli perugina. Poi le dimissioni della governatrice Catiuscia Marini, le elezioni anticipate con la prima storica vittoria del centrodestra, il passaggio di consegne con Rossi, le polemiche tra gli altri candidati e il grande favorito, Tommaso Bori. Incoronato da un Congresso senza effetti speciali, per l’emergenza Covid e per la rinuncia degli altri sfidanti.

Le “scuse” a nome del Pd

Ora Bori è ufficialmente il numero uno del Pd umbro. E nel giorno dell’assemblea (a distanza) che lo ha proclamato segretario ha voluto lanciare una chiamata all’impegno e alla mobilitazione tutti i dem dell’Umbria. A quanti “esitano” ha chiesto scusa, a nome del Pd. “Per lo smarrimento, per la delusione, ma anche per aver frustrato la grande voglia di riscatto” di una comunità, smettendo di essere riferimento credibile e affidabile.

L’appello all’unità

“Oggi siamo una comunità ridotta – ha proseguito Bori – che si è combattuta, anche duramente, ma che deve risollevarsi. Per questo dobbiamo essere al lavoro da subito, insieme, per lavorare sul dissenso crescente nei confronti di questo governo regionale e trasformarlo in consenso per noi. Una sfida difficile ma che deve vederci tutti mobilitati per il bene dell’Umbria. Dobbiamo essere una comunità che lavora insieme e costruire una vera alternativa, sapendo che le vittorie e le sconfitte sono le vittorie e le sconfitte di tutti”.

Un vero e proprio appello all’unità, quello di Bori, che dopo le tensioni del Congresso ha voluto che la prima assemblea regionale rappresentasse un momento di riconciliazione, un primo punto per una ripartenza. Anche per questo erano invitati anche tutti i candidati delle liste che si sono ritirate.

La “nuova stagione del Pd”

All’ordine del giorno una “nuova stagione” per il Pd, da aprire con la consapevolezza che “bisogna cambiare”, non le persone, ma il partito. Prima di tutto rafforzando la sua organizzazione, sulla quale sarà impegnato un dipartimento per mettere a valore le grandi risorse diffuse sul territorio e ricostruire dove le difficoltà sono più evidenti. Quindi rafforzando la capacità di comunicare, con l’ambizione di diventare un laboratorio nazionale.

“Sarà importante – secondo Bori – anche riprendere con forza un impegno sulla formazione di qualità e non lasciare soli gli amministratori”. “Avere la tessera in tasca dovrà rappresentare un valore” attraverso la partecipazione e il dialogo, fondamentali per una nuova visione per l’Umbria. “Abbiamo la responsabilità di isolare i populismi – ancora Bori – che lucrano sui problemi senza risolverli. Noi vogliamo rappresentare una speranza, ascoltare e lavorare su proposte e progetti concreti. Il nostro impegno sarà a difesa di una sanità che deve rimanere pubblica, contro le povertà, tema purtroppo molto presente in Umbria. Sono una nostra priorità la lotta per i diritti civili e la battaglia per i diritti sociali e per i servizi, in particolare per la scuola e l’università, un ascensore sociale su cui bisogna investire e investire bene”.

La conferenza programmatica aperta

Ecco perché uno dei primi appuntamenti da mettere in agenda è una grande conferenza programmatica, aperta, che sia spazio e luogo di partecipazione sui contenuti e di elaborazione, per “riconnettere il partito ai territori e alle persone”. “Abbiamo un’opportunità unica che non possiamo permetterci di sprecare” hanno aggiunto i segretari provinciali Camilla Laureti e Fabrizio Bellini.

Le altre cariche

L’assemblea è stata l’occasione anche per il rinnovo degli organismi statutari con l’elezione di Cristina Papa a presidente con Donatella Casciarri e Daniele Longaroni vice; tesoriere Enzo Santucci, che presto sarà affiancato da un comitato di tesoreria, e Andrea Cavicchioli, Manola Tromboni, Gianfranco Chiacchieroni, Valter Carloia e Stefania Capacci in commissione di garanzia.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!