La crisi ha spazzato via il 15% degli artigiani umbri - Tuttoggi

La crisi ha spazzato via il 15% degli artigiani umbri

Redazione

La crisi ha spazzato via il 15% degli artigiani umbri

E' il terzo peggior risultato in Italia | I 25 mestieri scomparsi
Ven, 08/02/2019 - 08:36

Condividi su:


In nove anni l’Umbria ha visto scomparire 3.733 imprese artigiane, il 15,3% di quelle attive nel 2009 nel territorio regionale.

Alla fine del 2018, infatti, le imprese artigiane con sede in Umbria risultano essere 20.594, 346 in meno rispetto a 12 mesi prima ma soprattutto più del 15% in meno da quando è arrivata anche in Italia la grande crisi. I cui effetti sulle imprese artigiane sono risultati peggiori, in termini percentuali, soltanto in Sardegna (-18%) e in Abruzzo (-17,2%).

Un dato, quello umbro, peggiore di 4 punti percentuali rispetto alla media italiana dello stesso periodo e del 4,5% nel confronto con quanto accaduto nelle regioni del centro.

Nel 2009 avevano sede in Umbria 24.327; la crisi ne ha spazzate via 3 ogni 20. In particolare nei settori del trasporto, dell’edilizia (ein generale di attività legate ai lavori per le costruzioni), nell’artigianato artistico e nelle manifatture (legno, tessile, macchinari).

I mestieri scomparsi

La Cgia di Mestre, nel commentare questi dati, ha anche stilato la lista dei 25 mestieri artigiani praticamente scomparsi in Italia negli ultimi dieci anni:

  • Arrotino (molatore o affilatore di lame)
  • Barbiere (addetto al taglio dei capelli su uomo e alla rasatura della barba)
  • Calzolaio (riparatore di suole, tacchi, borse e cinture)
  • Casaro (addetto alla lavorazione, preparazione e conservazione dei latticini)
  • Canestraio (produttore di canestri, ceste, panieri, etc.)
  • Castrino (figura artigianale tipica del mondo mezzadrile con il compito di castrare gli animali)
  • Ceraio (produttore di torce, lumini e candele con l’uso della cera)
  • Cocciaio (produttore di piatti, ciotole e vasi)
  • Cordaio (fabbricante di corde, funi e spaghi)
  • Corniciaio
  • Fotografo
  • Guantaio (produttore e riparatore di guanti)
  • Legatore (rilegatore di libri)
  • Norcino (addetto alla macellazione del maiale e alla lavorazione delle carni)
  • Materassaio (colui che confeziona o rinnova materassi, trapunte, cuscini, etc.)
  • Mugnaio (macinatore di grano e granaglie)
  • Maniscalco (addetto alla ferratura dei cavalli, degli asini e dei muli)
  • Ombrellaio (riparatore/rattoppatore di ombrelli rotti)
  • Ricamatrice (decoratrice del tessuto con motivi ornamentali)
  • Sarto/a (colui o colei che confeziona abiti maschili o femminili)
  • Selciatore (addetto alla posa in opera di cubetti di porfido)
  • Sellaio (produttore di selle per animali)
  • Scopettaio (produttore di spazzole e scope)
  • Scalpellino (colui che sgrossa e lavora la pietra o il marmo con lo scalpello)
  • Seggiolaio (produttore o riparatore di seggiole impagliate)

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!