"Invasi dalle foglie secche e dalle cacche di cane", monta la protesta in Viale della Stazione - foto TO® - Tuttoggi

“Invasi dalle foglie secche e dalle cacche di cane”, monta la protesta in Viale della Stazione – foto TO®

Redazione

“Invasi dalle foglie secche e dalle cacche di cane”, monta la protesta in Viale della Stazione – foto TO®

Ven, 31/08/2012 - 12:43

Condividi su:


Jac. Bru.

Sono letteralmente imbufaliti i commercianti e i residenti della metà di Viale Trento e Trieste più vicina alla stazione ferroviaria, costretti ogni giorno a ripulire dai cumuli di foglie secche le pertinenze dei loro negozi e abitazioni. “Non che gli operatori ecologici non passino, intendiamoci, ma se il loro lavoro si limita ad ammassare nelle aiole le foglie secche cadute dagli alberi è chiaro che basta una folata di vento per farle tornare in mezzo al marciapiede, o addirittura dentro i negozi”, denunciano alcuni esercenti a Tuttoggi.info.

Il problema secondo loro sta a monte, quando l’amministrazione comunale decise di sostituire gli alberi di giuda e gli oleandri con querce nane: “sempreverdi” assicurò qualcuno. Basta guardarle un secondo per capire che non è così. “Non solo le piante non sono sempreverdi – incalzano commercianti e residenti – ma perdono foglie in tutti i periodi dell’anno. Foglie che invadono completamente il marciapiede e che certamente non sono un bel biglietto da visita per i turisti che arrivano a Spoleto in treno e per i quali Viale Trento e Trieste è la principale via d’accesso alla città”.

Il problema, inoltre, non sarebbe solo “esteriore”. Sempre stando a quanto riferiscono gli esercenti, le foglie e le ghiande cadute dalle querce ostruirebbero spesso i tombini della zona, mentre le radici degli alberi di qui a poco potrebbero divellere le mattonelle del marciapiede. “Ci dissero che le querce sarebbero diventate alte non più di 2 metri – sottolinea il titolare di un esercizio commerciale – e invece sono arrivate a sfiorare i 5-6 metri. La sede stradale non può contenere le radici ancora a lungo”.

Una situazione che sta degenerando, dunque, e che un gruppo di cittadini non è più disposta a tollerare, tanto da pensare di raccogliere firme per una petizione se chi dovere continuerà a non rispondere agli appelli. Come se non bastasse, ai disagi connessi al fogliame e agli alberi si aggiungono i cattivi odori dei bisogni che i tantissimi cani portati a spasso lungo il Viale lasciano sulle aiole e che nessuno, se non gli stessi commercianti armati di ramazza e paletta, pulisce.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!