Inter campione d’Italia Primavera. Gol e spettacolo nella finale con la Lazio disputata a Gubbio. Guarda le foto - Tuttoggi

Inter campione d’Italia Primavera. Gol e spettacolo nella finale con la Lazio disputata a Gubbio. Guarda le foto

Redazione

Inter campione d’Italia Primavera. Gol e spettacolo nella finale con la Lazio disputata a Gubbio. Guarda le foto

Dom, 10/06/2012 - 14:00

Condividi su:


Inter campione d’Italia Primavera. Gol e spettacolo nella finale con la Lazio disputata a Gubbio. Guarda le foto

Fabio Muzzi

Si è disputata nella serata di ieri l’ultima partita della fase finale del Campionato Primavera, trofeo “Giacinto Facchetti”. Lo stadio Barbetti di Gubbio, si è riempito, per l’occasione, di tifosi di fede nerazzurra provenienti dai vari club dislocati in Umbria e nelle regioni circostanti e di tifosi di fede biancoceleste accorsi per la maggior parte direttamente dalla capitale.
Nella sfida che ha sancito il vincitore della stagione 2011-2012, le squadre si sono schierate come segue.
SS Lazio, il cui allenatore Alberto Bollini ha optato per un modulo a tre punte, è partita inizialmente con Berardi; Ilari, Sbranga, Vilkaitis, Marin; Cataldi, Onazi, Zampa; Barreto, Emmanuel, Rozzi.
Dall’altra parte il tecnico dell’Inter Daniele Bernazzini ha scelto un modulo con una sola punta a tutti gli effetti, ma che lasciava spazio agli inserimenti della linea dei centrocampisti avanzati. Sono scesi in campo Sala; Mbaye, Kysela, Spendlhofer, Alborno; Romanò, Duncan, Bessa, Crisetig, Livaja; Longo.
Pronti, via e l’Inter è subito in vantaggio. È il 4° quando, da un retropassaggio difensivo sbagliato da parte di Marin, Livaja si inserisce, supera in velocità il portiere laziale e insacca a porta vuota. Bello il gol, ma ancora più bella l’esultanza: Livaja seguito dai propri compagni si è recato in panchina dove ha preso la maglia del portiere titolare Di Gennaro che si era infortunato gravemente nella semifinale contro il Milan e gli ha dedicato il gol.
Al 19° la prima sostituzione nelle file dell’Inter: Bessa infortunato lascia il campo e fa il suo ingresso il numero 15 Garritano.
A metà primo tempo inizia a delinearsi quella che sarà la trama del primo tempo, Lazio alla ricerca del pareggio e Inter pronta a ripartire in contropiede. Al 29° pericolosa incursione dei biancocelesti, ma Sala salva in angolo. Sugli sviluppi del corner batti e ribatti conclusosi con un altro tiro respinto in angolo dal portiere interista. Al 35° e al 36° Emmanuel si procura due buone occasioni per andare al tiro, ma, se la preparazione è buona, le conclusioni sono da dimenticare e finiscono sul fondo.
Al 40° l’Inter in contropiede sciupa un’ottima opportunità con l’autore del vantaggio Livaja.
Al terzo e ultimo minuto di recupero di un piacevole primo tempo, la Lazio pareggia nell’ultima occasione utile: preciso cross dalla sinistra e Barreto schiaccia di testa spiazzando Sala, 1-1.
Nell’intervallo i cori dei tifosi laziali, che non hanno mai cessato di incitare la propria squadra, si sono rivolti contro Lotito seduto in tribuna in compagnia di Igli Tare, mentre sul campo gli sbandieratori di Gubbio offrivano agli spettatori un assaggio della Corsa dei Ceri.
Secondo Tempo. Per la Lazio, che nell’intervallo ha sostituito Cataldi con Vivacqua, anche la ripresa si mette subito in salita. È il 3° quando Romanò scaglia una bordata dal limite dell’area che si infrange sull’incrocio dei pali, sulla respinta il più veloce di tutti è Garritano che insacca di testa: 2-1.
A questo punto la partita dovrebbe incanalarsi nuovamente sui binari del primo tempo, ma la Lazio è stanca e non riesce ad attaccare come nel primo tempo esponendosi inoltre ai micidiali contropiedi interisti. È così che al 23° Longo va via di forza al limite dell’area, si accentra e scarica un rasoterra imparabile: 3-1. Siglando ancora un gol in questa fase finale che lo ha visto assoluto protagonista, Longo mette la parola “fine” alla partita.
L’unico spunto degno di nota prima della conclusione è il perfetto tiro di Onazi che si infila nell’angolino basso a sinistra del portiere Sala rimasto immobile. La Lazio accorcia così le distanze portandosi sul 3-2 ma il minuto è il 44° e nei cinque minuti di recupero l’Inter riesce a gestire la palla fino al fischio finale.
Risultato finale Inter-Lazio 3-2, possono iniziare i festeggiamenti di giocatori e pubblico interisti, mentre per i giocatori laziali sono lacrime amare.
Il triplice fischio incorona l’Inter Campione d’Italia categoria Primavera 2011-2012 e i giudici assegnano a Samuele Longo il premio “Piermario Morosini” come miglior giocatore del torneo.

Foto: Marco Ferretti

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!