Incidente di caccia a Spoleto si trasforma in tragedia, muore poliziotto 45enne

Incidente di caccia a Spoleto si trasforma in tragedia, muore poliziotto 45enne

Sara Fratepietro

Incidente di caccia a Spoleto si trasforma in tragedia, muore poliziotto 45enne

Sab, 21/01/2023 - 11:07

Condividi su:


Un cacciatore spoletino è morto in un incidente di caccia sulle montagne di Spoleto, disposta l'autopsia sulla salma

Un terribile incidente di caccia si è verificato sabato mattina nelle montagne intorno a Spoleto. Un giovane cacciatore, residente in città, è morto per cause in accertamento da parte delle forze dell’ordine. Sul posto sono intervenuti 118, vigili del fuoco, forze dell’ordine ma anche volontari di protezione civile. Per l’uomo, Daniele Tardocchi, 45enne, poliziotto in servizio al commissariato di polizia cittadino, purtroppo non c’è stato nulla da fare, vista la gravità delle ferite riportate.

La tragedia è avvenuta nei pressi di Balduini, nella zona che da Spoleto porta in Valserra, in una area molto impervia. Per recuperare la salma del cacciatore è stato allertato anche un elicottero.

Ad indagare sull’incidente di caccia, coordinati dalla locale Procura della Repubblica, sono gli stessi agenti del commissariato di polizia di Spoleto, colleghi della vittima.

Lo spoletino, secondo quanto è stato possibile apprendere, era a caccia di beccacce (attività regolarmente aperta in questo periodo) con un amico e con un collega di lavoro, quando è avvenuto l’incidente di caccia. E’ stato proprio quest’ultimo a dare l’allarme, facendo intervenire sul posto i soccorritori. Purtroppo, però, come detto, non c’è stato nulla da fare.

Secondo quanto trapela, si sarebbe trattato di una terribile fatalità, con un colpo esploso accidentalmente a distanza ravvicinatissima dal fucile di Daniele Tardocchi, che non gli avrebbe lasciato scampo, colpendolo alla testa. L’autorità giudiziaria – secondo quanto rende noto la Questura di Perugia – ha comunque posto sotto sequestro la salma del giovane, disponendo l’esame autoptico. Sotto sequestro ovviamente il fucile dal quale sarebbe partito il colpo.

La notizia si è ben presto diffusa negli ambienti venatori creando profondo cordoglio. Daniele Tardocchi, infatti, era molto conosciuto in città, sia per l’attività professionale che per la passione per la caccia.

(ultimo aggiornamento alle 15,50)


Maneggio armi da fuoco,
cambiano le regole per l’idoneità


"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!